Mio figlio presenta disturbi nell'area della NEURO e PSICOMOTRICITÀ - Che cosa devo fare?

CONCLUSIONI: Ausili e ortesi all’interno dello sviluppo globale del bambino; Il punto di vista dei caregivers; Limiti dello studio; Suggerimenti e prospettive future; Riferimenti Bibliografici

PARTE SETTIMA: CONCLUSIONI

  1. Ausili e ortesi all’interno dello sviluppo globale del bambino
  2. Il punto di vista dei caregivers
  3. Limiti dello studio
  4. Suggerimenti e prospettive future
  5. Riferimenti Bibliografici

INDICE PRINCIPALE

INDICE

PARTE SETTIMA: CONCLUSIONI

Ausili e ortesi all’interno dello sviluppo globale del bambino

All’interno del percorso abilitativo-riabilitativo dei soggetti in età evolutiva affetti da patologia neuromotoria, l’introduzione di ausili e ortesi di differente natura rappresenta spesso un elemento necessario e fondamentale. Tali strumenti permettono di superare, o vicariare almeno in parte, i deficit e le limitazioni fisiche e motorie che caratterizzano la patologia del bambino. È possibile suddividere le tipologie di ausili in due categorie a seconda della propria funzione:

  • Ausili e ortesi dinamici, definiti tali poiché forniscono al soggetto nuove possibilità di spostamento. Rientrano in tale categoria i deambulatori anteriori e posteriori, le sedie a rotelle standard ed elettriche, i quadripodi e le differenti tipologie di tutori;
  • Ausili statici, definiti tali poiché facilitano il mantenimento della posizione in statica eretta o seduta. Rientrano in tale categoria gli Standing per il mantenimento della statica eretta e i sistemi di postura.

Quando l’ausilio viene inserito precocemente all’interno del percorso di crescita, esso assume un ruolo cruciale nello sviluppo neuropsicomotorio, cognitivo, emotivo e psicologico del bambino.

Durante la crescita lo sviluppo motorio precede quello cognitivo ed il pensiero ha origine primariamente come modalità di organizzazione, pianificazione e previsione del movimento.

La possibilità di movimento e spostamento autonomo all’interno dell’ambiente, favorita dall’utilizzo di un ausilio o un’ortesi dinamica, permette l’esplorazione, il raggiungimento autonomo degli obiettivi ed un incremento della sfera cognitiva poiché il bambino necessita di pianificare e organizzare il proprio corpo e il proprio spostamento. (2,3,6)

Nel percorso di raggiungimento dell’autonomia e dell’indipendenza, è necessario che il soggetto sperimenti una fase di Attaccamento all’adulto ed una fase di Separazione ed Individuazione; la possibilità di separarsi fisicamente dal corpo dell’adulto e di allontanarsi e riavvicinarsi autonomamente risultano elementi fondamentali per un sano processo di Separazione. Nei soggetti affetti da differenti tipologie di disabilità motorie, tali elementi vengono spesso a mancare; di conseguenza l’inserimento di un ausilio che garantisca la mobilità autonoma o faciliti il mantenimento statico di una posizione può favorire il processo di Separazione. Infatti, un ausilio dinamico permette al bambino di allontanarsi autonomamente dal caregiver, esplorare l’ambiente esterno e ritornare con maggiore velocità dall’adulto in caso di necessità; un ausilio statico permette la separazione fisica dal corpo del genitore, permettendo al bambino di seguire gli spostamenti dell’adulto nello spazio e comprendere che il proprio corpo è separato da quello dell’adulto(11,12)

Dai recenti studi condotti nell’ambito di ausili e ortesi, l’aspetto psicologico nell’utilizzo di tali strumenti assume sempre maggiore importanza. Per un più funzionale ed efficiente utilizzo di uno strumento, è necessario che questo venga inglobato all’interno del proprio schema corporeo e che rappresenti un’estensione del corpo stesso del soggetto. Tale elemento risulta rilevante nell’utilizzo di utensili della vita quotidiana, quali ad esempio guidare l’automobile o utilizzare forchetta e coltello, ma assume un’ulteriore importanza quando si parla di ausili e ortesi. Tale processo di inglobamento dello strumento all’interno del proprio schema corporeo prende il nome di Embodiment.

Le modificazioni nella rappresentazione corporea conducono a cambiamenti anche nella rappresentazione dello spazio extracorporeo, così che il soggetto risulta in grado di pianificare e rappresentare mentalmente lo spostamento nello spazio extracorporeo solo quando posizionato sull’ausilio.

Ausili e ortesi adottati dal soggetto devono essere, dunque, inglobati all’interno delle funzioni mentali del bambino e devono essere percepiti come strumenti favorenti l’esplorazione a partenza dal proprio mondo interno verso il mondo esterno. Entrando a far parte dell’immagine di sé, l’ausilio permette al bambino di superare le limitazioni che la disabilità comporta, favorendo l’esplorazione autonoma e conducendo ad una modificazione del sé.(20,21)

Dal punto di vista funzionale, ausili e ortesi rappresentano una risorsa fondamentale che permette al bambino di ampliare le proprie possibilità di movimento e sperimentare posture differenti.

Dal punto di vista motorio, ausili e ortesi dinamici permettono una maggiore stabilizzazione durante il mantenimento della posizione in statica eretta e durante la deambulazione, favoriscono il miglioramento del pattern del cammino e, di conseguenza, un minor consumo di ossigeno ed energia, la prevenzione di eventuali deformazioni scheletriche e la riduzione della fatigue. Inoltre, il soggetto presenta maggiori possibilità di controllo della velocità di deambulazione, del momento di inizio ed arresto della marcia.

L’ausilio Standing, appartenente alla categoria di ausili statici, permette di cambiare posizione durante la giornata, favorisce lo stretching muscolare, previene le deformazioni articolari e le piaghe da decubito, porta ad un miglioramento delle funzioni vescicale, intestinale e respiratoria. inoltre, gli ausili dinamici favoriscono una maggiore autonomia di spostamento del soggetto, l’incremento delle modalità di gioco e l’aumento della partecipazione sociale. Gli ausili statici, quali lo Standing, favoriscono la partecipazione sociale e il coinvolgimento del soggetto in attività di gioco all’interno del gruppo dei pari. (22–24)

INDICE

Il punto di vista dei caregivers

Dagli studi effettuati sul vissuto dei caregivers nei confronti dell’introduzione di un ausilio all’interno della vita quotidiana, vengono riportati vissuti ed emozioni diversificati. Al momento del primo approccio con l’ausilio alcuni genitori presentano sentimenti di tristezza e sconforto, in quanto spesso l’introduzione di uno strumento tale aumenta la consapevolezza a proposito delle forti limitazioni del bambino, l’impossibilità di spostarsi autonomamente nello spazio o mantenere autonomamente una posizione, per cui necessita di uno strumento che lo faciliti in tali funzioni. Inoltre, la tipologia di ausili maggiormente accettata è quella che permette al bambino mobilità e spostamenti altrimenti impossibili, ad esempio deambulatori e carrozzine; gli ausili Standing per il mantenimento della statica eretta vengono apprezzati e compresi in misura minore.

L’introduzione di un ausilio può comportare spesso il sopraggiungere di emozioni negative e sentimenti contrastanti nei caregiver; per questo motivo risulta importante accompagnare le famiglie nel percorso di accettazione di tali strumenti, garantendo l’informazione al fine di favorire la comprensione dell’utilità e della necessità dell’introduzione di ausili e ortesi in età evolutiva, il supporto ed il sostegno. (31,32)

A tal proposito sono stati realizzati due opuscoli, consultabili nella sezione ALLEGATI riguardanti gli ausili dinamici (ALLEGATO 1) e statici (ALLEGATO 2) all’interno dei quali vengono illustrati i concetti esposti all’interno di tale elaborato in forma semplificata ed accessibile alle famiglie, al fine di sensibilizzare i caregivers sul ruolo di ausili e ortesi all’interno dello sviluppo globale del bambino, favorire una maggiore comprensione e promuoverne l’accettazione.

INDICE

Limiti dello studio

L’indagine degli aspetti psicologici legati all’utilizzo di ortesi e ausili rappresenta un ambito di recente studio; di conseguenza il materiale a disposizione risulta ancora limitato, seppur in quantità crescente.

Sono, in particolare, scarsamente approfondite le tematiche riguardanti il processo di Separazione-Individuazione nei soggetti affetti da disabilità motoria; il materiale a disposizione risulta, infatti, limitato e in parte datato.

Non è stato possibile eseguire un’indagine più ampia a proposito del vissuto e l’opinione dei caregivers nei confronti dell’introduzione di un ausilio.

INDICE

Suggerimenti e prospettive future

A partire da tale elaborato, sarebbe utile approfondire maggiormente l’ambito degli aspetti psicologici correlati all’utilizzo di un ausilio, oltre ad un ulteriore approfondimento e studio dell’effettivo ruolo dell’inserimento di un ausilio nel percorso di sviluppo analizzando sperimentalmente gli effettivi benefici correlati.

In futuro sarebbe utile ed interessante eseguire un’indagine più ampia riguardante il vissuto e le opinioni dei caregivers nei confronti degli ausili mediante la somministrazione di questionari, la raccolta e l’analisi dei dati. Inoltre, sarebbe interessante verificare l’efficacia comunicativa degli opuscoli realizzati presenti in corrispondenza di ALLEGATO 1 e ALLEGATO 2 ed analizzare eventuali e possibili modificazioni delle opinioni e dei vissuti successivamente alla lettura.

INDICE

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  1. Kuzik N, Naylor PJ, Spence JC, Carson V. Movement behaviours and physical, cognitive, and social-emotional development in preschool-aged children: Cross- sectional associations using compositional analyses. PLoS One. 2020. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/32810172/
  2. Giunti Psychometric, Anupi TNPEE. La centralità del movimento nello sviluppo. In: La centralità del movimento nello sviluppo. 2021.
  3. Marrus N, Eggebrecht AT, Todorov A, Elison JT, Wolff JJ, Cole L, et al. Walking, Gross Motor Development, and Brain Functional Connectivity in Infants and Toddlers. Cereb Cortex. 2018. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/29186388/
  4. Veldman SLC, Santos R, Jones RA, Sousa-Sá E, Okely AD. Associations between gross motor skills and cognitive development in toddlers. Early Hum Dev. 2019. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/30965194/
  5. Niederer I, Kriemler S, Gut J, Hartmann T, Schindler C, Barral J, et al. Relationship of aerobic fitness and motor skills with memory and attention in preschoolers (Ballabeina): a cross-sectional and longitudinal study. BMC Pediatr. 2011. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/21569343/
  6. Stein M., Auerswald M., Ebersbach M.. Relationships between Motor and Executive Functions and the Effect of an Acute Coordinative Intervention on Executive Functions in Kindergartners. Front Psychol. 2017. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/28611709/
  7. Koziol LF, Budding DE, Chidekel D. From Movement to Thought: Executive Function, Embodied Cognition, and the Cerebellum. Cerebellum 2011. Available from: https://link.springer.com/article/10.1007/s12311-011-0321-y
  8. Yamauchi Y., Aoki S., Koike J., Hanzawa N., Hashimoto K.. Motor and cognitive development of children with Down syndrome: The effect of acquisition of walking skills on their cognitive and language abilities. Brain Dev. 2019. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/30503574/
  9. Joo J.W., Choi J.Y., Rha D.W., Kwak E.H., Park E.S.. Neuropsychological Outcomes of Preterm Birth in Children With No Major Neurodevelopmental Impairments in Early Life. Ann Rehabil Med. 2015. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/26605165/
  10. Jansen-Osmann P., Wiedembauer G., Heil M.. Spatial cognition and motor development: a study of children with spina bifida. Percept Mot Skills. 2008. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/18556900/
  11. Ferrari A, Cioni G. Le forme spastiche della paralisi cerebrale infantile. Guida all’esplorazione delle funzioni adattive. Verlag S, editor. 2005. 217–229 p.
  12. Mordock JB. The Separation-Individuation Process and Developmental Disabilities. Except Child. 1979;.
  13. Andrich R. Concetti generali sugli ausili. Milano: PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l’autonomia, Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus; 2011.
  14. Maravita A, Iriki A. Tools for the body (schema). Trends Cogn Sci. 2004.
  15. Zocchi L, D’Arcangelo G, Florio TM, Gussoni M, Laforenza U, Maioli C, et al. Principi di Fisiologia. EdiSES, editor. 2012.
  16. Le Boulch J. Lo sviluppo psicomotorio dalla nascita ai 6 anni. 2013th ed. Armando Editore, editor.
  17. Farneti P, Carlini MG. Il ruolo del corpo nello sviluppo psichico. Editore L, editor. 1981.
  18. Assaiante C., Barlaam F., Cignetti F., Vaugoyeau M.. Body schema building during childhood and adolescence: a neurosensory approach. Neurophysiol Clin.
  19. 2014. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.biblunito.it/24502900/
  20. Shapiro L. Embodied cognition. Bermùdez JL, editor. Wisconsin: Routledge; 2010.
  21. Leemhuis E, Leemhuis E, Pazzaglia M. Come lo strumento diventa me. Sist intelligenti. 2017. Available from: https://www-rivisteweb- it.bibliopass.unito.it/doi/10.1422/86617
  22. Pazzaglia M., Molinari M. The embodiment of assistive devices-from wheelchair to exoskeleton. Phys Life Rev. 2016 Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/26708357/
  23. Ivanyi B, Schoenmakers M, Van Veen N, Maathuis K, Nollet F, Nederhand M. The effects of orthoses, footwear, and walking AIDS on the walking ability of children and adolescents with spina bifida: A systematic review using International Classification of Functioning, Disability and Health for Children and Youth (ICF- CY) as a ref. Vol. 39, Prosthetics and Orthotics International. SAGE Publications Inc.; 2015. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/25107922/
  24. Goodwin J, Lecouturier J, Basu A, Colver A, Crombie S, Smith J, et al. Standing frames for children with cerebral palsy: A mixed-methods feasibility study. Health Technol Assess (Rockv) . 2018. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/30234480/
  25. Bateni H, Maki BE. Assistive devices for balance and mobility: Benefits, demands, and adverse consequences. Arch Phys Med Rehabil. 2005. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/15641004/
  26. Sonday A, Gretschel P. Empowered to Play: A Case Study Describing the Impact of Powered Mobility on the Exploratory Play of Disabled Children. Occup Ther Int. 2016. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/26153363/
  27. Bray N., Noyes J., Edwards R.T., Harris N.. Wheelchair interventions, services and provision for disabled children: a mixed-method systematic review and conceptual framework. BMC Health Serv Res. 2014. Available from: https://pubmed-ncbi- nlm-nih-gov.bibliopass.unito.it/25034517/
  28. Coster W., Law M., Bedell G., Liljenquist K., Kao Y.C., Khetani M., et al. School participation, supports and barriers of students with and without disabilities. Child Care Health Dev. 2013. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/23763254/
  29. Kirkeby I.M., Grangaard S. Can We Build Inclusion? Stud Health Technol Inform. 2016. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.biblunito.it/27534311/
  30. King S, Teplicky R, King G, Rosenbaum P. Family-centered service for children with cerebral palsy and their families: a review of the literature. Semin Pediatr Neurol.    2004.   Available    from:    https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/15132256/
  31. Park M, Giap T, Lee M, Jeong H, Jeong M, Go Y. Patient- and family-centered care interventions for improving the quality of health care: A review of systematic reviews. Int J Nurs Stud. 2018. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm-nih- gov.bibliopass.unito.it/30056169/
  32. Nai Fovino F. Il primo ausilio nel progetto riabilitativo per il bambino con grave disabilità motoria: approcci e dinamiche. In: Il primo ausilio nel progetto riabilitativo per il bambino con grave disabilità motoria: approcci e dinamiche (seconda edizione). Verona; 2012.
  33. Kenyon LK, Mortenson W Ben, Miller WC. ‘Power in Mobility’: parent and therapist perspectives of the experiences of children learning to use powered mobility. Dev Med Child Neurol. 2018. Available from: https://pubmed-ncbi-nlm- nih-gov.bibliopass.unito.it/29777530/
  34. Livingstone R, Paleg G. Practice considerations for the introduction and use of power mobility for children. Vol. 56, Developmental Medicine and Child Neurology. Dev Med Child Neurol; 2014. p. 210–21. Available from: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23998510/
  35. Currier BA, Jones MA, DeGrace BW. Experiences of Families With Young Power Wheelchair Users. J Early Interv. 2019.

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image

Accedi / Crea il tuo account