Image
Image

Condizionamento Classico

Il condizionamento classico è una forma di apprendimento associativo che si verifica quando un certo stimolo neutro viene associato con un altro stimolo che provoca una risposta automatica. L'idea di base del condizionamento classico è che l'associazione tra questi due stimoli porta alla formazione di una nuova risposta condizionata, che può essere evocata dallo stimolo neutro.

Il condizionamento classico è stato studiato principalmente da Ivan Pavlov, che ha utilizzato cani per dimostrare il fenomeno. Nel suo esperimento, Pavlov ha presentato un suono neutro (stimolo condizionato) prima di presentare il cibo (stimolo incondizionato) ai cani. Dopo un po' di tempo, i cani hanno iniziato a salivare quando sentivano il suono, anche se il cibo non era stato presentato. In questo caso, il suono è diventato uno stimolo condizionato, in grado di evocare la risposta condizionata della salivazione.

Il condizionamento classico si verifica in tre fasi: la fase di acquisizione, la fase di estinzione e la fase di recupero.

Nella fase di acquisizione, lo stimolo neutro viene associato con lo stimolo incondizionato, formando una nuova associazione che porta alla risposta condizionata.

Nella fase di estinzione, lo stimolo condizionato viene presentato senza lo stimolo incondizionato, e la risposta condizionata gradualmente si indebolisce e scompare.

Nella fase di recupero, lo stimolo condizionato viene nuovamente presentato dopo la fase di estinzione, e la risposta condizionata può essere recuperata.

Il condizionamento classico è stato applicato in molte aree, come la terapia comportamentale, la pubblicità e la psicologia animale. Tuttavia, il condizionamento classico ha anche alcune limitazioni, tra cui la difficoltà di applicarlo a comportamenti complessi e la difficoltà di estenderlo a situazioni reali, dove ci sono molte variabili in gioco.