In offerta!

Il corsivo dalla A alla Z. Un metodo per insegnare i movimenti della scrittura. La teoria Copertina flessibile – 20 ottobre 2004

Amazon.it Prezzo:  18,52  ( 16/08/2022 17:47 PST- Dettagli)

L’opera tratta le fasi iniziali dell’apprendimento della scrittura focalizzando l’attenzione sui processi che ne permettono uno sviluppo normale e che eventualmente possono essere rafforzati per favorire il recupero di un disturbo disgrafico già consolidato.

I due volumi Il corsivo dalla A alla Z , teoria e pratica, si presentano come un’assoluta novità, occupandosi in modo specifico della meccanica della scrittura e affrontando, in particolare, il passaggio dalla scrittura in stampatello, lettere spazialmente separate e caratterizzate da pochi tratti distintivi, a quella della scrittura in corsivo, che richiede la gestione di un sistema grafico fluido. Questo delicato passaggio dal punto di vista grafo-motorio rappresenta un momento particolarmente critico per l’apprendimento della scrittura e per il rapporto che i bambini potranno avere con essa.

Consigliato a
Il volume si rivolge ai professionisti dell’età evolutiva e a chi più direttamente segue il bambino negli apprendimenti scolastici.

ISBN: 9788879466646
Data di pubblicazione: 11/2004
Numero Pagine: 102
Formato: 21×29,7cm

Dallo stampatello al corsivo, alcuni consigli:

Attenzione al punto d’inizio e alla direzione del movimento
È importante insegnare ai bambini a iniziare il movimento in un punto preciso, e a rispettare la direzione del movimento. In particolare, si ponga attenzione ai movimenti circolari, in cui il punto di partenza è sempre in alto a destra. Ruotando in senso antiorario si raggiunge l’apice della curvatura e si scende per poi chiudere il cerchio. Gli errori più frequenti consistono nell’inizio del tratto nel punto sbagliato e soprattutto nel verso di rotazione opposto.

Continuità del movimento
Uno dei principali obiettivi nelle prime fasi di esercizio è quello di favorire la continuità del tratto grafico: i bambini dovrebbero cercare di non staccare la matita dal foglio, terminando la riga in un’unica soluzione, sebbene ciò non si possa pretendere ai primi tentativi.

Regolarità nelle dimensioni e ritmicità dei movimenti
È importante sollecitare i bambini a controllare la regolarità dell’ampiezza nei movimenti prodotti. All’inizio i bambini si concentreranno unicamente sulla forma del movimento senza poter tenere conto, contemporaneamente, di dimensioni e proporzioni. L’autovalutazione porta gradualmente gli alunni a riconoscere da soli la qualità del proprio prodotto. Può essere utile per questo aiutarli attraverso una verbalizzazione guidata dall’adulto.

TAGS

  • Didattica
  • Italiano
  • Scrittura e ortografia
  • BES DSA e ADHD
  • DSA
  • Disgrafia

DESTINATARI

  • Genitore
  • Insegnante Curricolare
  • Insegnante di sostegno
  • Psicomotricista
  • Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva

CONTENUTI

  • Apprendimento della scrittura: modelli teorici e prerequisiti necessari
  • Gli aspetti grafo-motori della scrittura: quali sono e come studiarli
  • Aspetti ergonomici della scrittura
  • Scrittura: introduzione agli aspetti metodologici e didattici
  • Insegnare il corsivo: una proposta metodologica
  • Esperienza di insegnamento del corsivo secondo il modello proposto: una ricerca di intervento
  • Caratteristiche delle scritture disgrafiche e suggerimenti per il recupero
  • Percorsi didattici: una guida all´uso dei materiali
Autore

Carrello
Available for Amazon Prime