Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Buongiorno, sono il papà di un bambino, che oggi ha 13 anni, a cui sono stati diagnosticati disabilità proprie dell'età evolutiva ( dislessia, discalculia, disortografia... ) e tra le altre anche la disprassia.

Nel tempo, sono state privilegiate strategie volte a migliorare l'aspetto specifico dell'apprendimento, quindi sedute di psicoterapia, che certamente hanno avuto effetti benefici sullo sviluppo del bambino ma, in merito alla disprassia nulla è cambiato.

Insomma abbiamo considerato la disprassia come una conseguenza, o un disturbo che con il tempo sarebbe pasatto, delle disabilità anzidette.

Ho effettuato una semplice ricerca su internet sull' origine della disprassia e, mi sembre di capire, che probabilmente questa potrebbe essere la causa delle disabilità di cui soffre mio figlio.

La mia richesta è questa:

 

E' possibile che la presenza di disprassia su un soggetto in età evolutiva possa far insorgere queste disabilità oltre a disturbi comportamentali, tipo cambi di umore, basso livello di attenzione, opposizione, scarsa autostima, difficoltà a relazionarsi con coetanei ed adulti?

Nel caso che tipo di terapia è consigliata, dove è possibile avere più informazioni?

Grazie per la gentile attenzione

Francesco Renda

Commenti  

+5 #1 marzia ghilardi 2010-02-14 11:00
buongiorno!la risposta alla sua domanda è che probabilmente un mancato trattamento delle disprassia al momento della diagnosi ha facilitato l'insorgenza dei disturbi di apprendimento, soprattutto nell'ambito della matematica e della scrittura. ora ciò non significa che non sarebbero comparsi anche indipendentemen te dalla disprassia, ma sicuramente è stata studiata una forte correlazione tra i due tipi di disturbi, e anche la gravità degli stessi poteva essere di entità minore . Ora mi sembra anche strano che il bambino non sia stato preso in carico per il problema motorio, anche se non abbiamo indicazione precise sulla diagnosi e sull'età in cui il bambino l'ha avuta.
Sicuramente delle scarse competenze prassiche e delle difficoltà nell'apprendime nto hanno risvolti psicologici importanti, in termini di scarsa autostima, e senso di inadeguatezza anche relazionale con gli altri.
non so da quale regione proveniate, comunque in Italia ci sono vari specialisti che si occupano di questi problemi, e che vi sapranno consigliare in modo più specifico; personalmente posso consigliare una persona con cui ho già lavorato, molto esperta nell'ambito della disprassia che lavora a Roma. Per non fare nomi, posso invitarvi a guardare sul sito www.aidee.it, che è il sito dell'associazio ne italiana disprassia età evolutiva, la cui presidentessa è la persona a cui mi riferisco. tramite il sito potrete contattarla e chiedere informazioni direttamente a lei, che vi può consigliare anche qualche collega più vicino a voi.
Citazione