Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

famiglia

Caro genitore in questo blog puoi trovare professionisti pronti a darti risposte o consigli sia sulle patologie che su strategie educative. Puoi trovare altre persone con la stessa situazione familiare e quindi confrontarti con loro.
Registrati (VEDI BARRA LINKS) per inserire un articolo contenente la richiesta, oppure invia una e-mail all’amministratore del sito per farti aiutare in questa operazione - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Uno di questi links ti può essere di aiuto! ...

 

Sito WEB consigliato: www.consiglieducativi.it ...

 

... oppure inserisci un commento qui sotto!

 

Commenti  

0 #1 rosario e ivana 2010-10-06 20:35
ho una bambina di 17 mesi che ha problemi di deglutizione ma nessuno e' riuscito a darmi una diagnosi.
si presume sia disfagia ma la bimba si allatta al seno senza problemi, si soffoca spesso con la saliva o con dei liquidi.
mangia solo omogeneizzati.
sto cercando qualche indirizzo. AIUTATECI grazie
Citazione
+3 #2 Massimo Borghese 2010-10-08 08:14
Buongiorno.
Mi permetto di consigliare in un caso come questo, una visita dallo specialista foniatra, seguita da una presa in carico logopedica da parte di una logopedista particolarmente esperta nel lavoro sulla deglutizione.
Massimo Borghese. Foniatra
Citazione
0 #3 donatella 2010-11-11 11:23
Buongiorno ,vorrei sapere se la psicomotricità può essere di aiuto ad un bambino di 8 anni che presenta sintomi di adhd.
Citazione
+2 #4 giulio 2010-11-11 13:47
Ciao Donatella,
sono uno psicomotricista e Terapista della Neuro e Psicomotricista dell’Età Evolutiva, lavoro da più di 10 anni e nel mio percorso professionale ho conosciuto molti bambini che presentavano i classici segni dell’ADHD, pertanto posso confermare che la psicomotricità sia attualmente la disciplina più adeguata per affrontare tale disturbo. La psicomotricità opera sia nell’ambito educativo/preve ntivo sia in quello terapeutico.
Citazione
-1 #5 serena MASILLO 2010-12-08 11:26
ciao sono una terapista delle neuropsiconotri cità e per un bambino che presenta sintomi di adhd, vi consiglio sinceramente di fare una visita specilistica dalla neuropscihiatra infantile la quale se lo riterrà necessario vi fara fare valutazioni dalla logopedista o neuropsicomotri cista. se vi servono riferimenti potete contattarmi
Citazione
0 #6 rosa castellano 2010-12-08 16:59
Salve,finalment e ho avuto il colloquio con la psicomotricsta. Il suo parere è che mio figlio è molto chiuso dal punto di vista emozionale,molt o insicuro,ha paura del rifiuto, è come un bimbo di 4 anni "emozionalmente ".Il suo consiglio è stato un ciclo di 10 sedute di cui le prime 3 individuali; a casa cercare di dargli più attenzioni possibili,cerca re di farlo sentire speciale,fare in modo che ci siano momenti col papà che dovrebbe cercare di essere meno severo e più affettuoso, e dargli comunque coccole quando ne sente il bisogno.Spero di riuscire ad aiutarlo. Visto il parere della psicomotricista ,avete altri consigli o suggerimenti da darmi?
Citazione
+2 #7 Alfredo Cavaliere Converti 2010-12-09 23:51
Carissima dawn0510,

non ho molti elementi per capire con assoluta certezza quale sia il reale motivo della “insicurezza” di suo figlio; ad ogni modo provo a darle alcuni consigli che solitamente si rilevano efficaci per aumentare l’autostima, elemento utile per poterci presentare più decisi e pronti a qualsiasi evento del quotidiano.

L’atteggiamento “severo” che lei scrive in una domanda, di solito nasce dal desiderio sincero di aiutare i propri figli a crescere, ma rischia di innescare circoli viziosi che finiscono di allontanare gli uni dagli altri sul piano affettivo. Il consiglio che mi viene subito da darle è abbastanza generico: essere autoritari nei confronti di un figlio è molto importante, ma è necessario associarla alla dolcezza e alla flessibilità.

Aggiungerei:

• In questa fase delicata il bambino non deve essere giudicato nelle sue difficoltà ma rassicurato, creando così un clima di fiducia … i bambini devono sentirsi speciali anche nelle loro peculiarità.

Potenziare i reali interessi del bambino rendendoli canali privilegiati di condivisioni, valorizzando quanto più possibile i successi e ironizzando le difficoltà che emergono.

Non essere mai sostitutivi al proprio figlio, ma supervisionare cercando quanto più possibile di fare in modo che le attività quotidiane (autonomie personali, etc.) a cui il bambino va incontro vengano svolte da lui stesso.

• Cercare situazioni extrascolastich e che diano la possibilità al bambino di sperimentare il relazionarsi; se possibile, attualmente con un solo bambino successivamente in gruppo. Non incoraggiarlo all’approccio interpersonale con troppa insistenza ma creare solamente delle occasioni (esempio: al parco gioco, oppure invitare a casa un bambino a lui familiare con cui abbia un buon rapporto).

Dare ampia possibilità al bambino di verbalizzare le sue esperienze di approccio duale, anche attraverso un disegno; è importante che possa imparare ad esprimere verbalmente le proprie emozioni, senza giudizio o commento aggiuntivo da parte dell’adulto.

Coinvolgere il bambino in quelle piccole attività quotidiane che sono solitamente riservate alla bambina piccola, in modo che possa gradualmente nascere tra di loro una complicità.

Cercare di ritagliare un po’ di tempo per lui come momento esclusivo e necessario, affinché il bambino si senta importante come la sorellina più piccola.

È importante far valutare (come lei sta già cercando di fare) il bambino dalla Psicomotricista proprio perché dopo un’attenta osservazione potrebbe darle consigli più specifici a riguardo.
Citazione
0 #8 valentina giorgio 2010-12-12 12:33
Salve io sn una TNPEE!Volevo chiederle se ha effettuato una visita specialistica presso un\una Neuropsichiatri a infantile?Lei da dove scrive?
Citazione
0 #9 valentina giorgio 2010-12-12 12:36
Salve io sn una TNPEE,le posso dire che la terapia psicomotoria può aiutare un bambino con sintomi di adhd!!Ma ha una diagnosi?
Citazione
0 #10 rosa castellano 2010-12-14 10:02
Grazie per i consigli. Al momento sono ancora in attesa del colloquio con la psicomotricista . Cmq ho notato che mio figlio in questi ultimi giorni è un po'cambiato: quando vado a prenderlo a scuola mi accoglie con più entusiasmo , è molto meno "capriccioso",e a casa è più sereno. Anche perchè questo fine settimana lo abbiamo portato in montagna e ha passato molto tempo con il suo papà. Spero che vada sempre meglio. Ancora grazie per i consigli.
Citazione
+1 #11 Sergio Donadi 2011-01-09 19:14
Chiedo gentilmente se mi potete indicare uno studio medico in provincia di Trento dove venga praticata la psicomotricità.
Abbiamo bisogno per il nostro ragazzo che frequenta la pirima media.
Grazie per l' aiuto.
Citazione
0 #12 barbara 2011-01-11 10:07
rispondo al signor sergio donato presso le strutture della neuropsichiatri a infantile per esempio a Trento e a Rovereto di certo trova tra l'equipe professionale anche lo psicomotricista oppure ad arco c'è una associazione grafein anche essa con lo psicomotricista come figura professionale. dipende dal tipo di supporto di cui ha bisogno
Citazione
0 #13 arianna lovati 2011-01-12 16:52
Buongiorno, sono la mamma di Edoardo, un bambino nato prematuro alla 28w con un peso di 980 g., che frequenta l'ultimo anno della scuola materna.
a novembre e' stato visto dalla Dr.ssa Balestriero dell'ospedale Buzzi di Milano e sottoposto al test di Griffiths col seguente punteggio:
CA 65 m - MA 62m _ GQ 95/100-
A 66m/101 - B 60m/92 - C66m/101 - D60m/92- E 58m/89 - F62m/95

In merito a quanto sopra, vorrei sapere, gentilmente, come ci dobbiamo comportare noi da genitori e cosa ne pensa lei.
Inoltre essendomi rivolta alla neurospichiatri a infantile della mia zona con tempi di attesa troppo lunghi, vorrei mi consigliasse una struttura convenzionata o anche privata a cui rivolgermi in provincia di milano nord-ovest.
Grazie
Citazione
+3 #14 Massimo Borghese 2011-01-13 09:44
Buongiorno Signora,
vorrei evidenziare attraverso il contenuto della sua lettera, quello che a mio parere è un sistema troppo "testistico" di valutazione di un bambino e delle sue capacità. Lei stessa, infatti, fornisce poche informazioni relative alla nascita prematura e al peso, poi passa direttamente a una serie di numeri, ponendo poi il quesito. Sia chiaro che non è una critica che muovo a Lei, ma ad un sistema che sta prendendo sempre più piede tra molti cosiddetti operatori del settore, che riduce -a mio parere- un po' troppo a scarni numeri, ciò che dovrebbe essere invece il risultato di una valutazione più clinica e meno aritmetica. Da foniatra, il consiglio che le dò, è di far visitare (visitare, appunto, e non solo vagliare a suon di test) il bambino da uno specialista del campo, che per me è il foniatra (cioè il medico specialista in fisiopatologia della comunicazione, e quindi anche in abilità di apprendimento) poi ognuno può pensarla come vuole; così come per quanto riguarda un eventuale intervento abilitativo-mig liorativo dove necessario; che rientra tanto nelle competenze di un logopedista che di uno psicomotricista , o di un pedagogista, o di un bravo insegnante. Il problema, in conclusione, non è la disquisizione sulle figure di competenza, ma trovare operatori... competenti, quale che sia il diploma in loro possesso. Per quanto riguarda la struttura, la mia è solo privata, e si trova a Cernusco sul Naviglio.
Cordiali saluti.
Massimo Borghese
www.massimoborghese.it
Citazione
0 #15 arianna lovati 2011-01-13 18:27
Buongiorno, sono ancora la mamma di Edoardo, in effetti non sono stata molto chiara.Edoardo e' da quando aveva 2 anni che quando e' particolarmente contento, o qualche novita, fa tipo una stizza con le braccia e lo fa spesso.Le dottoresse del Buzzi che lo vedono ogni anno per valutare la crescita vista la sua prematurita', mi hanno detto di rivolgermi au una psicomotricista ; cosi' ho chiesto a questa dr.ssa del sempre del Buzzi che l'aveva gia visto quando era piu' piccolino, la quale mi ha detto che per la stizza dovrebbere essere solo un questione di prematurita' e di emotivita' che dovrebbe riuscire a gestire piu' avanti, e poi facendogli il test di Griffiths, ha notato che e' leggermente indietro rispetto ai bambini della sua eta',(notato anche dalle maestre dell'asilo) non riguardo la parte motoria, ma la parte di memorizzazione delle frasi dei numeri e che dovrebbe essere aiutato un pochino, per arrivare alla scuola elementare senza difficolta' particolari.Spe ro di essere stata un po' piu' esauriente.Graz ie mille Arianna
Citazione
0 #16 marilena STANO 2011-03-22 22:04
Salve, sono la mamma di un bambino disprassico di quasi 7 anni.Faccio fatica a trovare degli psicomotricisti a Modena che adottino il metodo Terzi e/o il metodo Sabbadini.
Qualcuno può indirizzarmi in qualche modo? Come mai è così difficile trovare chi si occupi di disprassia?
Grazie
Citazione
+1 #17 stefania ruggiero 2012-04-24 13:04
Buongiorno, le ripropongo dinuovo la stessa domanda fatta da un'altro utente a cui non era stata data risposta: Come mai a Modena e provincia non si riesce a trovare uno psicomotricista che adotti il metodo terzi e/o sabbadini. e poi sapete indicarmi un'esperto in zona che si occupi di disprassia? Al npi di modena sembrano tutti che non ne sappiano molto su questo problema. grazie
Citazione
0 #18 Carmela Giordano 2012-04-24 16:25
Mi rivolgo alle signore di Modena.
Gentili signore,buongio rno. Mi meraviglia molto che non abbiate trovato nella vostra città uno/a psicomotricista che si occupi di disprassia. Provate a non chiedere ad un professionista che ha già un suo metodo, della cui valdità è pienamente consapevole, ad utilizzarne altri. L'intervento psicomotorio lavora su mente e corpo le cui interconnession i sono innegabili e dalle quali non si può prescindere nel momento in cui si affronta un disturbo come la disprassia. Affidatevi ad uno psicomotricista (con attestato triennale) e vedrete che riceverete le risposte che state cercando. Mi scuso se la risposta risulterà polemica, ma il proliferare di metodi (anche datati e della cui validità, non conoscendoli alla perfezione, non posso discutere) che tendono a sottovalutare la psicomotricità mi rende poco delicata.
Citazione
0 #19 Alfredo Cavaliere Converti 2012-04-28 17:10
Gentile Stefania, se non l’ha già fatto, le consiglio di dare uno sguardo a questa pagina:

http://www.neuropsicomotricista.it/le-mappe.html

oppure inserisca il suo annuncio nell’apposito spazio dedicato (il link lo trova qui sotto).
Solitamente, attraverso la newsletter legata al servizio che le sto proponendo, risolviamo questo tipo di problemi nel giro di 2 / 3 giorni !

http://www.neuropsicomotricista.it/annunci-cerco-offerte-di-lavoro-per-neuropsicomotricista-e-psicomotricista/9.html

Con la speranza di aver fatto cosa gradita, la saluto!
Citazione