Topic-icon Consiglio

Di più
5 Anni 9 Mesi fa #601 da Angela Misuraca
Consiglio è stato creato da Angela Misuraca
Ciao cari colleghi. Mi è arrivato un pazientino bello tosto: è un bimbetto di 5 anni con una malattia genetica molto rara, e non ancor bene identificata, con ipotonia agli arti inferiori, ritardo (anche se credo lieve), non verbale e soprattutto cieco. Il quadro rende il trattamento molto tortuoso.. Ho iniziato con un percorso sui sensi con diverse stimolazioni. Lui esplora l'ambiente con tutti e 4 gli arti, ha i piedi praticamente prensili e mantiene la posizione eretta per poco tempo solo se tenuto almeno per mano, predilige restare supino e da seduto si muove spostandosi con il sederino. Inoltre utilizza per comunicare, con la famiglia, pochi segni convenzionali.
Riuscite a darmi qualche consiglio?
Ve ne sono grata! ;)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
5 Anni 9 Mesi fa #605 da Lucia Camisassa
Risposta da Lucia Camisassa al topic Consiglio
Questo bimbo è stato visto da un logopedista? si potrebbe fare un percorso parallelo per lavorare sulla comunicazione.
Comunque il percorso che hai impostato sulle stimolazioni sensoriali secondo me va bene. Hai detto che ha i piedi prensili ma le mani come sono? A livello prassico? Anche se ipotonico può lavorare da seduto. Io utilizzerei anche tanto cose che abbiano un suono di rimando e poi potresti anche lavorare sulla conoscenza degli spazi e dei giochi, soprattutto a casa e a scuola, ma anche nella stanza di trattamento.
Spero di esserti un minimo di aiuto
Ciao

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
5 Anni 9 Mesi fa #606 da Maria Vincenza Sedda
Risposta da Maria Vincenza Sedda al topic Consiglio
ciao,
fai benissimo a lavorare sulla stimolazione sensoriale dei sensi residui in particolare udito e tatto. Dovresti lavorare molto per far si che la percezione tattile diventi sempre più precisa aiutandolo con il linguaggio per evidenziare le caratteristiche salienti degli oggetti in modo da aiutarlo a riconoscerli. Mentre lui esplora l'oggetto nominarlo spiegare la funzione, guidarlo per andare a ricercare le caratteristiche più importanti. Educare la bimanualità che sostituisce nel cieco la coordinazione occhio-mano.
Un altro aspetto è migliorare l'orientamento nello spazio e lo spostamento finalizzato utilizzando l'udito. Muoversi in direzione di un suono anche strisciando sul sedere. Un suono che arriva da davanti, di lato, da dietro (in ordine di difficoltà). Utilizzare il suono per fargli raggiungere la posizione eretta e la navigazione costiera. Ti consiglio qualche libro: Milena Cannao "La mente con gli occhiali", non ricordo l'editore. Manuale di Riabilitazione visiva per ciechi e ipovedenti della FrancoAngeli a cura di Cristina Martinoli, Ester Delpino. Spero di esserti stata utile.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.