Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

scad.  7 gennaio 2013 - Padova -

Regione Veneto - Bur n. 94 del 16 novembre 2012

La domanda dovrà essere inoltrata entro il 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione del presente bando, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

UNITÀ LOCALE SOCIO-SANITARIA N.16 - PADOVA

Concorsi pubblici riservati ai lavoratori disabili di cui all'art. 1 della Legge n. 68 del 12/03/1999.

In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 831 del 30/10/2012,  sono indetti concorsi pubblici riservati ai lavoratori disabili, per titoli ed esami, di cui all’art. 1 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per la copertura a tempo indeterminato dei seguenti profili professionali appartenenti al Ruolo Sanitario:

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale Infermieristico – INFERMIERE, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale Infermieristico – OSTETRICA, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Riabilitazione – FISIOTERAPISTA, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Riabilitazione – TERAPISTA DELLA NEURO-PSICOMOTRICITÀ DELL’ETA’ EVOLUTIVA, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Riabilitazione – EDUCATORE PROFESSIONALE, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Prevenzione – TECNICO DELLA PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI E NEI LUOGHI DI LAVORO, cat. D

N. 1 posto Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Prevenzione – ASSISTENTE SANITARIO, cat. D

Ai predetti profili professionali è attribuito il trattamento giuridico ed economico previsto dalle disposizioni legislative, nonché dai vigenti Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro per il personale del Comparto Sanità.

Possono partecipare al concorso esclusivamente le persone disabili iscritte nello specifico elenco di cui all’art. 8 legge 12 marzo 1999, n. 68.

A seguito dell’attuazione del protocollo d’intesa e collaborazione per “l’attività di gestione del personale” tra l’Azienda U.L.S.S. n. 16 e l’Azienda Ospedaliera di Padova, la graduatoria del presente concorso sarà utilizzata anche da quest’ultima Azienda.

 Il presente bando è disciplinato dalle norme di cui alla legge 12 marzo 1999, n. 68 e s.m.i, al D.Lgs. 30 dicembre1992 n. 502, al D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., al D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 e successive modificazioni ed integrazioni, al D.P.R. 27 marzo 2001, n. 220 nonché dalle disposizioni di cui ai CC.CC.NN.LL. del personale del Comparto Sanità e dalla normativa sul pubblico impiego in quanto compatibile.

Ai sensi dell’art. 1014, comma 3 e 4, e dell’art. 678, comma 9, del D.Lgs. 66/2010, il posto di Collaboratore Professionale Sanitario/Personale della Riabilitazione – Terapista della Neuro-Psicomotricità dell’Eta Evolutiva, cat. Dè riservato prioritariamente ai militari delle tre forze armate congedati senza demerito.

L’Azienda garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e al trattamento sul lavoro, ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 165/2001 e successive modificazioni ed integrazioni.

1.       Requisiti per l’ammissione

Ai concorsi sono ammessi i candidati dell’uno e dell’altro sesso in possesso dei seguenti requisiti:

Requisiti generali

a)      cittadinanza italiana o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea o straniero regolarmente soggiornante sul territorio nazionale;

b)      idoneità fisica all’impiego: l’accertamento di tale requisito – con l’osservanza delle norme in tema di categorie protette – sarà effettuato da una struttura pubblica del Servizio sanitario nazionale, prima dell’immissione in servizio. E’ dispensato dalla visita medica il personale dipendente da pubbliche amministrazioni e il personale dipendente dagli istituti, ospedali ed enti di cui agli artt. 25 e 26, comma 1, del D.P.R. 20/12/1979, n. 761.

 Requisiti specifici:

c)      titolo di studio:

 Per i profili appartenenti alle Professioni Sanitarie Infermieristiche e Professione Sanitaria Ostetrica (Classe 1 – Classe delle lauree nelle Professioni Sanitarie Infermieristiche e Professione Sanitaria Ostetrica ai sensi del Decreto Interministeriale 2/04/2001);

INFERMIERE

Diploma universitario di Infermiere (D.M. n. 739/1994) o titoli equipollenti così come individuati dal D.M. 27/7/2000, ovvero laurea I livello (L) di Infermiere (Classe n. 1 – Decreto Interministeriale 2/04/2001);

OSTETRICA

Diploma universitario di Ostetrica/o di cui al D.M. n. 740/1994 o titoli equipollenti, ai sensi D.M. 27 luglio 2000, ovvero Laurea di I° livello (L) in Ostetricia  (Classe n. 1 – Decreto Interministeriale 2/04/2001);

Per i profili appartenenti alle Professioni Sanitarie della Riabilitazione (Classe 2 – Classe delle lauree nelle Professioni Sanitarie della Riabilitazione ai sensi del Decreto Interministeriale 2 aprile 2001)

 FISIOTERAPISTA

Diploma universitario di Fisioterapista (D.M. n. 741/1994) o titoli equipollenti così come individuati dal D.M. 27/7/2000, ovvero Laurea I livello (L) di Fisioterapista (Classe n. 2 – Classe delle lauree nelle professioni sanitarie della riabilitazione - Decreto Interministeriale 2/04/2001);

TERAPISTA DELLA NEURO-PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

Diploma universitario di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Eta’ Evolutiva (D.M. n. 56/1997) o titoli equipollenti così come individuati dal D.M. 27/7/2000 ovvero Laurea I livello (L) di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Eta’ Evolutiva (Classe n. 2 – Classe delle lauree nelle professioni sanitarie della riabilitazione - Decreto Interministeriale 2/04/2001);

 EDUCATORE PROFESSIONALE

Diploma universitario in Educatore Professionale (D.M. 08/10/1998 n. 520) o titoli

equipollenti (D.M. 27/07/00) ovvero Laurea I livello (L) in Educatore Professionale (Classe n. 2 – Classe delle lauree in professioni sanitarie della riabilitazione)

Per i profili appartenenti alle Professioni Sanitarie della Prevenzione (Classe n. 4 – Classe delle lauree nelle Professioni Sanitarie della Prevenzione ai sensi del Decreto Interministeriale 2 aprile 2001)

 TECNICO DELLA PREVENZIONE

Diploma universitario di Tecnico della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (D.M. 17/01/1997 n. 58) o titoli equipollenti così come individuati dal D.M. 27/7/2000 ovvero Laurea I livello (L) di Tecnico della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Classe n. 4 – Classe delle lauree nelle professioni sanitarie della prevenzione – Decreto Interministeriale 2/04/2001).

ASSISTENTE SANITARIO

Diploma universitario di Assistente Sanitario (D.M. 17/01/1997 n. 69) o titoli equipollenti così come individuati dal D.M. 27/7/2000 ovvero Laurea I livello (L) di Assistente Sanitario (Classe n. 4 – Classe delle lauree nelle professioni sanitarie della prevenzione – Decreto Interministeriale 2/04/2001).

 d)      iscrizione al relativo albo professionale, ove esistente. L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione europea consente la partecipazione al concorso, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

 e)      iscrizione nello specifico elenco del collocamento obbligatorio di cui all’art. 8 legge 12 marzo 1999, n. 68, presso i servizi provinciali per l’impiego.

 Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo e coloro che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubbliche amministrazioni ovvero licenziati a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo nazionale di lavoro del Comparto Sanità.

I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel presente bando per la presentazione della domanda di ammissione ai concorsi.

Il difetto anche di uno solo di tali requisiti comporta la non ammissione al concorso.

 2. Presentazione delle domande

 La domanda di ammissione al concorso va indirizzata al Direttore Generale dell’Azienda ULSS 16, e inviata in Via E. degli Scrovegni, 14 - 35131 PADOVA, redatta su carta semplice e firmata dagli interessati, dovrà essere inoltrata entro il 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione del presente bando, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato al primo giorno successivo non festivo. Si considerano prodotte in tempo utile le domande spedite a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento entro il predetto termine; a tal fine fa fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante. Per le domande consegnate a mano al Protocollo Generale dell’Ulss 16 di Padova (Via E. degli Scrovegni, 14 – 35131 Padova) farà fede la ricevuta rilasciata dall’Ufficio.

Ai fini dell’ammissione, nella domanda di cui si allega schema esemplificativo, i candidati DEVONO INDICARE:

a)      il cognome e nome;

b)      la data, il luogo di nascita e la residenza;

c)      il possesso della cittadinanza italiana o del proprio paese e permesso di soggiorno;

d)      il comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della loro non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

e)      il possesso dei requisiti di cui all’art. 1 della legge n. 68/1999 e l’iscrizione nell’elenchi previsti di cui all’art. 8 della stessa legge;

f)        le eventuali condanne penali riportate;

g)      il titolo di studio posseduto;

h)      la loro posizione nei riguardi degli obblighi militari;

i)        i servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e le eventuali cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego;

j)        la lingua straniera conosciuta tra le seguenti: inglese, francese, tedesco, e spagnolo (la conoscenza sarà oggetto di verifica);

k)      il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essere fatta ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza;

l)        il consenso all’utilizzo dei dati personali a’ sensi del D.Lgs. n. 196/2003.

L’eventuale appartenenza a categorie riservatarie o i titoli preferenziali che possono essere utili ai fini della precedenza devono essere espressamente indicati nella domanda ed allegati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente.

I candidati che hanno conseguito il titolo di studio all’estero dovranno allegare idonea documentazione attestante il riconoscimento del proprio titolo di studio con quello italiano richiesto ai fini dell’ammissione, in conformità della vigente normativa nazionale e comunitaria.

I candidati portatori di handicap devono specificare l’ausilio necessario in relazione al loro handicap nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi ai sensi della legge 5/02/1992, n. 104.

I candidati possono dimostrare il possesso dei titoli richiesti per l’ammissione mediante la forma di semplificazione delle certificazioni amministrative.

L’Azienda declina fin d’ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte dell’aspirante e da mancata, oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio.

L’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

La mancata sottoscrizione della domanda costituisce motivo di esclusione.

 3.       Documentazione da allegare alla domanda

 Alla domanda i concorrenti devono allegare:

¨      tutte le certificazioni relative ai titoli che i candidati ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione della graduatoria (certificati di servizio, (se rilasciati prima dell’entrata in vigore della legge 183/11) titoli accademici, scientifici, eventuali documenti comprovanti il diritto a precedenza o preferenza nella nomina, attestati, pubblicazioni edite a stampa, ecc.) ivi compreso un curriculum formativo e professionale debitamente documentato ovvero autocertificato, datato e firmato. I titoli possono essere prodotti in copia legale o autenticata ai sensi di legge. E’ facoltà dei candidati presentare, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, le dichiarazioni sostitutive in luogo della certificazione rilasciata dall’autorità competente, a tal fine i candidati possono utilizzare l’allegato del bando. Ai sensi dell’art. 19 del predetto decreto, la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di cui all’art. 47 può riguardare anche il fatto che la copia di una pubblicazione ovvero la copia di titoli di studio o di servizio sono conformi all’originale. Le dichiarazioni sostitutive devono, comunque, contenere tutti gli elementi e le informazioni necessarie previste dalla certificazione che sostituiscono. In particolare per eventuali servizi prestati presso pubbliche amministrazioni l’interessato è tenuto a specificare l’esatta denominazione ed indirizzo delle stesse; se trattasi di rapporto di lavoro a tempo determinato o indeterminato; profilo professionale; posizione funzionale o qualifica; se a tempo pieno/unico o parziale (in questo caso specificare la misura); eventuali periodi di interruzione nel rapporto e loro motivo.

¨      per lo straniero soggiornante nel territorio: regolare permesso di soggiorno.

¨      un elenco, in carta semplice, dei documenti e dei titoli presentati.

Non saranno ritenute dichiarazioni sostitutive e quindi non saranno oggetto di valutazione le dichiarazioni contenute nel curriculum non autocertificate, ai sensi degli artt. 46, 47 e 76 del DPR 445/2000, sotto la propria responsabilità con la clausola specifica delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del DPR 445/2000 per le ipotesi di falsità in atti ai sensi del DPR 445/2000.

La mancata presentazione o autocertificazione del possesso dei titoli richiesti per l’ammissione ai concorsi costituisce motivo di esclusione.

 Le pubblicazioni devono essere presentate in fotocopia semplice con dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che ne attesti la conformità all’originale, in sostituzione del documento originale (ved. all.to).

 4.       Valutazione dei titoli

 I titoli sono valutati dalla Commissione esaminatrice, ai sensi delle disposizioni di cui agli artt. 11, 20, 21 e 22 del D.P.R. n. 220/2001.

Ai sensi dell’art. 8 del predetto decreto, le Commissioni per i titoli dispongono di punti 30. I punti sono così ripartiti:

-     titoli di carriera                                                                                  max p. 15

-     titoli accademici e di studio                                                                max p.   4

-     pubblicazioni e titoli scientifici                                                            max p.   3

-     curriculum formativo e professionale                                                  max p.   8

 Titoli di Carriera (max punti 15)

·          Sono valutati i servizi resi presso le unità sanitarie locali, le aziende ospedaliere, gli enti di cui agli artt. 21 e 22 del D.P.R. n. 220/2001 e presso altre pubbliche amministrazioni, nel profilo professionale a concorso o in qualifiche corrispondenti. Il servizio reso nel corrispondente profilo della categoria inferiore o in qualifiche corrispondenti è valutato con un punteggio non superiore al 50% di quello reso nel profilo relativo al concorso.

I periodi di servizio prestati a tempo parziale sono valutati proporzionalmente all’orario di lavoro previsto dal contratto collettivo. I periodi di servizio omogeneo sono cumulabili, le frazioni di anno sono valutate in ragione mensile considerando, come mese intero, periodi continuativi di giorni trenta o frazioni superiori a quindici giorni. In caso di servizi contemporanei è valutato quello più favorevole al candidato.

Titoli Accademici e di Studio (max punti 4)

·          I titoli accademici e di studio sono valutati con un punteggio attribuito dalla commissione con motivata relazione, tenuto conto dell’attinenza dei titoli posseduti con il profilo professionale da conferire.

Pubblicazioni e Titoli scientifici (max punti 3)

·          Le pubblicazioni e i titoli scientifici sono valutati con motivata relazione, tenuto conto dei criteri stabiliti dall’art. 11 del DPR 220/2001.

Curriculum Formativo e Professionale (max punti 8)

·          Sono valutate le attività professionali e di studio formalmente documentate non riferibili a titoli già valutati nelle precedenti categorie, idonee ad evidenziare, ulteriormente, il livello di qualificazione professionale acquisito nell’arco della carriera e specifiche rispetto alla posizione funzionale da conferire, nonché gli incarichi di insegnamento conferiti da enti pubblici. In tale categoria rientrano anche i corsi di formazione e di aggiornamento professionale qualificati con riferimento alla durata e alla previsione di esame finale. Il punteggio attribuito dalla commissione, adeguatamente motivato, è globale.

I periodi di effettivo servizio militare di leva, di richiamo alle armi, di ferma volontaria e di rafferma, prestati presso le Forze armate sono valutati con i corrispondenti punteggi previsti per i concorsi disciplinati dal più volte citato D.P.R. n. 220/2001 per i servizi presso pubbliche amministrazioni ove durante il servizio abbia svolto mansioni riconducibili al profilo a concorso, ovvero con il minor punteggio previsto dal presente decreto per il profilo o mansioni diverse ridotto del 50%.

5.       Commissione esaminatrice e prove d’esame

La Commissione esaminatrice, nominata dal Direttore Generale, sarà costituita come stabilito dal combinato disposto di cui agli artt. 6 e 44 del D.P.R. n. 220/2001.

Le prove d’esame (artt. 8-43) sono le seguenti:

 Prova scritta  (max p. 30)

 Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – INFERMIERE

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica sulle seguenti materie: Infermieristica Clinica applicata alla Medicina e Chirurgia Generale e Specialistica nonché Metodologia Clinica Infermieristica. In generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 739/94, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – OSTETRICA

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica sulle seguenti materie: emergenze in ostetricia, controllo fetale, patologia embrio - fetale. In generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 740/94, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – FISIOTERAPISTA

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica su principi di rieducazione in ambito ortopedico, neurologico, rieducazione cardio-respiratoria, rieducazione del paziente in età evolutiva, in età adulta e in età geriatria; in generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 741/1994, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – TERAPISTA DELLA NEURO-PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica di neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; in generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 56/1997, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – EDUCATORE PROFESSIONALE

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica su argomenti attinenti alla materia oggetto del concorso: elementi di progettazione educativa, tecniche di animazione, lavoro di equipe, elementi di psicologia dello sviluppo evolutivo dell’infanzia e dell’adolescenza, elementi di legislazione nazionale e regionale sulle Azienda del SSN, elementi di legislazione socio-sanitaria nazionale e regionale. in generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 520/98, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

 Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – TECNICO DELLA PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI E NEI LUOGHI DI LAVORO

Svolgimento di un tema o soluzioni di quesiti a risposta sintetica attinenti: legislazione in materia di igiene degli alimenti e polizia veterinaria – igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro – nozioni di microbiologia e parassitologia applicata agli alimenti – elementi di diritto penale – elementi di procedura penale, elementi di diritto civile – nozioni di diritto amministrativo – legislazione sanitaria e organizzazione del Dipartimento di Prevenzione, la prevenzione degli infortuni sul lavoro. In generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 58/1997, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso.

Per il profilo di Collaboratore Professionale Sanitario – ASSISTENTE SANITARIO

Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica, su argomenti inerenti i programmi e gli interventi di educazione sanitaria, le metodologie di intervento preventivo, educativo e di recupero nell’ambito dell’educazione della persona, alla famiglia e alla collettività; servizi socio sanitari alla persona; ruolo e competenze dell’Assistente Sanitario; legislazione sanitaria e professionale. In generale, su argomenti attinenti al profilo professionale come da D.M. n. 69/1997, sulle materie facenti parte del piano di studi della qualifica oggetto del concorso

PER TUTTI I PROFILI

 Prova pratica (max p. 20): consisterà nell’esecuzione di tecniche specifiche o nella predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta.

Prova orale (max p. 20): verterà sull’approfondimento delle materie di cui alla prova scritta. La prova orale comprende, oltre che elementi di informatica anche la verifica della conoscenza almeno a livello iniziale di una tra le seguenti lingue straniere: francese, inglese, tedesco, spagnolo che il candidato dovrà indicare nella domanda di partecipazione al concorso.

 Le date e le sedi in cui si svolgeranno le prove saranno comunicate ai candidati, a cura delle Commissioni esaminatrici, con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, almeno venti giorni prima della data fissata per l’espletamento delle medesime.

Ove la Commissione stabilisca di non procedere nello stesso giorno all’effettuazione di tutte le prove, la data delle stesse sarà comunicata ai concorrenti, con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, non meno di quindici giorni prima dell’inizio della prova scritta ed almeno venti giorni prima di quello delle successive prove.

In relazione al numero dei candidati le commissioni possono stabilire l’effettuazione della prova orale nello stesso giorno di quello dedicato alla prova pratica. In tal caso la comunicazione della avvenuta ammissione alla prova stessa sarà dato al termine della effettuazione della prova pratica.

Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici di almeno 21/30. Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici di almeno 14/20.

L’ammissione alla prova pratica è subordinata al conseguimento, nella prova scritta, del punteggio minimo previsto. L’ammissione alla prova orale è subordinata al conseguimento, nella prova pratica, del punteggio minimo previsto.

I candidati che non si presenteranno a sostenere le prove concorsuali nei giorni, nell’ora e nella sede stabilita, saranno dichiarati esclusi dal concorso, qualunque sia la causa dell’assenza anche se non dipendente dalla volontà dei singoli concorrenti.

6.       Graduatoria, titoli di precedenza e preferenza

Al termine delle prove d’esame, la Commissione esaminatrice formula la graduatoria di merito dei candidati.

E’ escluso dalla graduatoria il candidato che non abbia conseguito, in ciascuna delle prove d’esame, la prevista valutazione di sufficienza.

La graduatoria di merito è formata secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del D.P.R. n. 487/1994 e successive modificazioni. Per quanto riguarda la riserva dei posti, sono fatte salve le vigenti disposizioni di legge in materia.

Il Direttore Generale dell’Azienda, riconosciuta la regolarità degli atti del concorso, provvede con propria deliberazione all’approvazione della graduatoria e alla dichiarazione dei vincitori.

La graduatoria sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto. Il periodo di efficacia della stessa e la sua utilizzazione sono disciplinati dall’art. 18 del più volte citato D.P.R. n. 220/2001 nonché dalla normativa in vigore per il personale delle UU.SS.LL. e delle Aziende Ospedaliere.

7.       Adempimenti del vincitore conferimento del posto

I candidati dichiarati vincitori saranno invitati dall’Azienda ULSS 16 ai fini della stipula del contratto individuale di lavoro, a presentare i documenti corrispondenti alle dichiarazioni rese nella domanda e i documenti richiesti per l’assunzione, entro 30 giorni dalla data di comunicazione, a pena di decadenza nei diritti conseguenti alla partecipazione al concorso stesso.

L’Azienda, verificata la sussistenza dei requisiti, procede alla stipula del contratto nel quale sarà indicata la data di presa servizio. Gli effetti economici decorrono dalla data di effettiva presa di servizio.

Scaduto inutilmente il termine fissato per la presentazione della documentazione, non si darà luogo alla stipulazione del predetto contratto.

E’, in ogni modo, condizione risolutiva del contratto, senza obbligo di preavviso, l’annullamento della procedura concorsuale che ne costituisce il presupposto.

La conferma dell’assunzione, a tutti gli effetti, sarà acquisita dopo il superamento con esito favorevole del periodo di prova, pari a mesi sei, che non può essere rinnovato o prorogato alla scadenza.

8.       Informativa ex art. 13 D.Lgs. 196/2003 (codice privacy)

 L’Azienda, in qualità di titolare del trattamento dei dati personali, nella persona del Direttore Generale pro-tempore, La informa che i dati personali ed eventualmente sensibili, raccolti con la domanda di partecipazione al concorso pubblico saranno trattati esclusivamente per lo svolgimento delle procedure descritte nel bando, finalizzate alla predisposizione della relativa graduatoria, nonché per i controlli, previsti dall’art. 71 del DPR 445/2000, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni o di atti di notorietà.

I dati saranno trattati dagli incaricati dell’ufficio responsabile della procedura e dai membri della commissione giudicatrice all’uopo nominata, sia su supporto cartaceo che con l’ausilio di strumenti elettronici, nel rispetto delle regole previste dal codice privacy.

Nell’evidenziare che il conferimento all’Azienda dei dati personali ed eventualmente sensibili richiesti, ha natura obbligatoria, si precisa che il mancato conferimento degli stessi comporterà l’esclusione dal concorso pubblico.

Completata la procedura concorsuale, la documentazione presentata dai candidati potrà essere ritirata, previa richiesta da presentare all’ufficio responsabile della procedura concorsuale, a partire dal centoventunesimo giorno successivo alla pubblicazione della graduatoria all’albo dell’Azienda, salva l’ipotesi in cui siano stati presentati ricorsi per l’annullamento della procedura stessa.

L’eventuale trattamento di dati idonei a rivelare lo stato di salute potrà avvenire nei casi specifici in cui il candidato presenti una causa di preferenza ovvero appartenga a categorie protette o chieda il rispetto delle condizioni sulla parità di accesso ai concorsi pubblici.

L’Azienda informa, infine, che in qualità di interessato al trattamento, potrà esercitare in qualsiasi momento i diritti previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, tra i quali: accedere ai propri dati, richiederne la modifica o la cancellazione oppure opporsi in tutto o in parte al loro utilizzo per motivi legittimi – presentando apposita istanza al responsabile del trattamento dei dati, nella persona del Direttore della Struttura Complessa Interaziendale Amministrazione del Personale.

9.         Norme finali

Ferme restando le sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, qualora dal controllo sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dai concorrenti emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art. 75).

L’Azienda si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o revocare il presente concorso o parte di esso, qualora ne rilevasse la necessità o l’opportunità per ragioni di pubblico interesse.

Con la partecipazione al concorso, è implicita da parte dei concorrenti l’accettazione, senza riserve, di tutte le prescrizioni e precisazioni del presente bando, nonché di quelle che disciplinano o disciplineranno lo stato giuridico ed economico del personale delle Unità Sanitarie Locali e/o Aziende Ospedaliere.

Per informazioni rivolgersi al Dipartimento Interaziendale Amministrazione e Gestione del Personale/Procedure Concorsuali – Via N. Giustiniani 2 – 35128 PADOVA – Telefono 049/821.8208-07-06 – esclusivamente dalle ore 9 alle 12.

 

“Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 26/10/1972, N. 642 e successive modificazioni”.

FAC-SIMILE DOMANDA                                             AL DIRETTORE GENERALE

                                                                          dell’AZIENDA U.L.S.S. N. 16

                                                                                            Via E. Degli Scrovegni 14

                                                                                            35131 PADOVA

Il/La sottoscritto/a ............................................................................................……..........

di essere ammesso/a al CONCORSO PUBBLICO, per titoli ed esami, riservato ai lavoratori disabili di cui all’art. 1 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per il profilo professionale di ................................................... ................................................……………...........……......…

A tal fine, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000

DICHIARA
 

a)      di essere nato/a a ...... (Prov. di ...) il ........ e di risiedere a ................. via ............ n. .... (C.A.P.....);

b)      di essere cittadino/a (Indicare nazionalità) .........;

c)      di essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato da ____________ il____________data di scadenza _______________________;

d)      di essere iscritto/a nelle liste elettorali del Comune di ........... (In caso di non iscrizione o di avvenuta cancellazione dalle liste elettorali, indicarne i motivi);

e)      di non aver riportato condanne penali (In caso contrario indicare le condanne penali riportate ed i procedimenti penali pendenti);

f)       di essere in possesso del titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale a concorso e precisamente: ...........;

g)      di essere nei riguardi degli obblighi militari nella posizione di ..... (Indicare date inizio/termine e mansioni svolte);

h)      di aver prestato servizio presso Pubbliche Amministrazioni (Indicare i servizi prestati e le eventuali cause di cessazione. Ai fini della valutazione dei servizi prestati c/o Enti pubblici e privati, allegare i certificati di servizio o specificare in modo dettagliato l’esatta denominazione degli Enti, il profilo professionale, la posizione funzionale qualifica rivestita, il tipo di rapporto di lavoro, ecc.…);

i)        di non essere stato escluso/a dall’elettorato attivo e di non essere stato/a dispensato/a dall’impiego presso una pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;

j)        di essere a conoscenza della lingua ………….. (Specificare la lingua conosciuta tra quelle indicate nel bando, ai fini dell’accertamento della conoscenza della stessa in sede di prova orale);

k)     di essere iscritto nello specifico elenco di cui all’art. 8 legge 12 marzo 1999, n. 68, presso i servizi provinciali per l’impiego di______________________________________________________________________________________; è necessario specificare in quale Centro per l'Impiego il candidato ha effettuato l'iscrizione;

l)        che le seguenti copie di documenti, allegate alla domanda, sono conformi all’originale (Elencare solo le copie dei documenti da autenticare);

m)    di essere consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000.

Fa presente di aver diritto:

-     alla riserva dei posti e/o alla preferenza in caso di parità di merito e titoli, in quanto ................………………………………………….; (numero figli a carico o di essere in possesso di altri titoli ai sensi art. 5 del DPR 9.5.94 n. 487 e successive modificazioni ed integrazioni);

-     all’ausilio di ................................................ in relazione al proprio handicap nonché alla necessità di tempi aggiuntivi ........... (Tale precisazione è richiesta solo ai candidati portatori di handicap, ai sensi della L. 5/02/1992 n. 104).

Ogni comunicazione relativa al presente CONCORSO deve essere fatta al seguente indirizzo: ............................................ (Indicare il C.A.P.). Tel. n. ................................

Il/La sottoscritto/a esprime il proprio consenso affinché i dati personali forniti possano essere trattati nel rispetto del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, per gli adempimenti connessi alla presente procedura.

Data ................................……………….

FIRMA
…………………….………………………..

Documenti da allegare alla domanda:

·       curriculum formativo e professionale debitamente documentato ovvero autocertificato con i titoli oggetto di valutazione;

·       elenco dei documenti e dei titoli presentati;

·       fotocopia del documento di identità personale in corso di validità.

Il Direttore Generale Dott. Adriano Cestrone

FONTE


Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 96 del 07-12-2012

Copia dei bandi e' reperibile nel sito www.ulss16.padova.it (sezione concorsi).

Per ulteriori informazioni telefoniche rivolgersi alla S.C. amministrazione e gestione personale procedure concorsuali - Aziende ULSS 16 di Padova - Tel. 049/8218208 - 8207 - 8206 - dalle ore 9 alle ore 12.

Commenti  

0 #1 ANTONELLAsf 2012-12-14 18:39
Alfredo,buonase ra..volevo chiederle in merito all'annuncio: ma è solo per persone disabili? Solo loro possono parteciparvi perchè non ho capito,saluti. AntonellA Fusco.
Citazione
0 #2 Alfredo Cavaliere Converti 2012-12-18 10:26
Gentile Antonella,
esatto, il concorso in oggetto è riservato ai lavoratori disabili !
Citazione