Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

2013-06-08-trapani

Titolo del corso: Idrokinesiterapia metodo ASP - I edizione

Data Inizio: 08 06 2013

Altre Date: 8-9, 22-23, 29-30 giugno e 13-14 luglio

Tipologia Formativa: Altro

Sede dell' Evento: Piscina “La Fenice” s.r.l.
via San Leonardo, 13 Alcamo TP

Obiettivi:

Il nostro evento "Corso di Idrokinesiterapia: Metodo A.S.P.(Approccio Sequenziale e Propedeutico)" si finalizza nell' insegnamento di una attività di qualificazione specifica per Fisioterapisti e Terapista della Neuro Psicomotricità dell’età evolutiva. Si propone di fornire le conoscenze teorico- pratiche, necessarie per trattare, in acqua gli esiti delle principali patologie neuromotorie ed ortopediche.

  • Che cos’è l’Idrokinesiterapia

L'Idrokinesiterapia, si vuole quindi proporre come uno strumento di supporto, nella pratica riabilitativa, alle numerose tecniche o metodiche già utilizzate in campo riabilitativo. In una attuale ottica di pensiero, che vuole una Riabilitazione, sempre più protesa ad un approccio riabilitativo "Globale, Adattabile, Ecologico e con una grande attenzione all'aspetto sociale".

  • L’importanza dell’Idrokinesiterapia

Lo scopo dell"attività motoria in acqua è il riadattamento del paziente alla forza di gravità, riarmonizzando gradualmente in una visione globale tutte le forze che determinano la sua statica. L’acqua come strumento riabilitativo ha lo scopo principale di associare le proprietà fisiche dei liquidi ai principi neuromotori della rieducazione, senza riprodurre ciò che viene fatto in ambiente gravitario, ma favorendo processi di apprendimento e possibilità di reclutamento di fibre motorie, lavoro propriocettivo e di equilibrio in un unico armonioso processo che solo l’ambiente microgravitario e l’attento lavoro individualizzato del fisioterapista possono ottimizzare.

Il Metodo A.S.P. unisce i principi neuromotori conosciuti nella fisiologia (sommazione spaziale e temporale degli impulsi) usufruendo delle facilitazioni microgravitarie, seguendo protocolli che si adattano alle principali patologie neurologiche ed ortopedico-traumatologiche.

Programma:

25 maggio

  • 08.30-08.45 Introduzione: al corso, scopi e finalità
  • 08.45-12.30 Approccio funzionale e logistico al trattamento in acqua dei pazienti con disabilita’ motoria
  • 12.30-13.30 Indicazioni alla gestione delle eventuali emergenze in acqua. Pratica : simulazioni delle disabilità e manualità
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-15.00 Simulazione paraplegia e tetraplegia. Prove di manualità e mobilizzazioni passive
  • 15.00-18.00 Manualità sul paziente e mobilizzazioni passive. prese e trasporto del paziente
  • 18.00-19.00 Dimostrazione con paziente. uso degli ausili

26 maggio

  • 08.30-13.30 Analisi degli ambienti relativamente al trattamento in acqua dei pazienti con disabilita’ motoria
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-16.00 Acquaticità del paziente
  • 16.00-17.30 Valutazione abilità motorie complesse in acqua
  • 17.30-18.30 Abilita’ complesse in acqua. esempi di due sequenze a.s.p. a tavola rotonda

08 giugno

  • 08.30-09.30 Sindromi midollari
  • 09.30- 10.30 Metodo approccio sequenziale e propedeutico (asp)
  • 10.30-11-30 Analisi dei prerequisiti
  • 11.30-13.30 Descrizione delle sequenze di lavoro per para/tetraplegici
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-16.00 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento (para/tetraplegia)
  • 16.00-19.00 Prova e verifica in acqua tra allievi

09 giugno

  • 08.30-10.30 Comparazione acqua /palestra
  • 10.30-11.30 Autonomie
  • 11.30-12.30 Ausili per il lavoro
  • 12.30-13.30 Il nuoto in riabilitazione
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-15.00 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento per para/tetraplegici
  • 15.00-17.00 Prova e verifica in acqua tra allievi
  • 17.00-18.00 Dimostrazione con paziente. riepilogo delle sequenze para/tetraplegia
  • 18.00-18.30 Nuoto in riabilitazione

22 giugno

  • 08.30-10.30 Cenni anatomo-patologici sulle lesioni cerebrali (atassia, tetra/diparesi spastica
  • 10.30-11.30 Motivazioni e finalità del trattamento riabilitativo in acqua del paziente con paralisi celebrale
  • 11.30-12.30 Psicomotricità in acqua
  • 12.30-13.30 Cenni anatomo-patologici sulle lesioni del plesso brachiale e sulle paralisi ostetriche
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-15.00 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento su tetra/diparesi e atassia.
  • 15.00-18.00 Prova e verifica in acqua tra allievi
  • 18.00-19.00 Dimostrazione con paziente. riepilogo delle sequenze su tetra/diparesi e atassia

23 giugno

  • 08.30-10.30 Cenni anatomo-patologici sugli esiti di ictus cerebrali: emiplegia
  • 10.30-11.30 Patologie varie: non vedenti, traumi cranici, sclerosi multiple e miopatie
  • 11.30-12.30 Controindicazioni al trattamento in acqua e problematiche psicologiche
  • 12.30-13.30 Descrizione sequenze sugli esiti di ictus cerebrali: emiplegia
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-15.00 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento su esiti di ictus: emiplegia
  • 15.00-17.30 Prova e verifica in acqua tra allievi
  • 17.30-18.30 Dimostrazione con paziente. riepilogo delle sequenze

29 giugno

  • 08.30-09.30 Pazienti con patologia di natura ortopedica,traumatologica e reumatologica
  • 09.30- 10.30 Cenni anatomo-patologici (traumatologia anca, bacino e ginocchio, caviglia)
  • 10.30-11.30 Algie vertebrali
  • 11.30-12.30 Spalla dolorosa
  • 12.30-13.30 Descrizione sequenze su lesioni bacino e arti inferiori.
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-15.00 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento per il recupero funzionale in acqua (carico e propriopiocettività arti inferiori)
  • 15.00-18.00 Prova e verifica in acqua tra allievi per il recupero funzionale arti inferiori
  • 18.00-19.00 Dimostrazione con paziente. riepilogo delle sequenze di lavoro

30 giugno

  • 08.30-09.30 Illustrazione e dimostrazione sequenze di trattamento per il recupero funzionale in acqua (algie vertebrali, cervicali e spalla dolorosa)
  • 09.30- 11.30 Prova e verifica in acqua tra allievi (algie vertebrali, cervicali e spalla dolorosa )
  • 11.30-12.30 Dimostrazione pratiche riassuntive
  • 12.30-13.30 Riepilogo generale dell'apprendimento pratico
  • 13.30-14.00 Pausa pranzo
  • 14.00-14.30 Amputati
  • 14.30-15.30 Anziani
  • 15.30-16.30 Spalla dolorosa e cervicali
  • 16.30-18.30 Riepilogo generale
  • 18.30-19.30 Verifica dell'apprendimento con prova pratica

Prenotazione / Iscrizione: 30 05 2013

Quota in €: Non iscritti ANIK e/o AIFI € 1.482,00 Soci ANIK , AIFI e TNPEE € 1.368,00 Studenti del C.d.L. in Fisioterapista non iscritti ANIK e/o AIFI € 1.197,00 Studenti del C.d.L. in Fisioterapista soci ANIK e/o AIFI, TNPEE: € 1.140,00

Quota agevolata per chi effettua l’iscrizione entro una certa data: NON PREVISTA


* SCONTO: La quota sopraindicata (o l' eventuale quota agevolata per chi effettua  l’iscrizione entro una certa data) è da scontare! Informativa per gli Utenti e Autori del sito. N.B. Questo evento è stato pubblicato prima del 01/03/2015.


Crediti ECM: SI

Destinatari: Fisioterapisti; TNPEE; studenti del 3° anno in fisioterapia e TNPEE

Relatori:

  • Dott. ft Marco Antonio Mangiarotti
  • Dott ft Fulvio Cavuoto

N° ore: 78

N° di partecipanti: min 16 - massimo 20

Segreteria organizzativa (Specificare indirizzo e contatti) : L’Ergonomica s.r.l. Via G. L. Ceruso, 20 – 00147 Roma - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - fax 06-83391302 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 14.00 - tel. 06- 86760832 – cell. 380 1967377

Note tecniche: Il corso prevede lezioni teoriche e susseguenti prove pratiche tra i partecipanti, per cui viene consigliato un abbigliamento idoneo all’attività in acqua: costume, accappatoio, cuffia; è consigliato il corpetto di neoprene. E’ richiesto un certificato medico di sana e robusta costituzione.

Non sono ammesse le gestanti.

Allegati:
Scarica questo file (locandina.pdf)locandina.pdf