INTRODUZIONE - L' intervento mediato dal genitore in bambini con Disturbo dello Spettro Autistico: applicazione del modello PACT

Tesi di Laurea di: Arianna ARTIFONI - L' intervento mediato dal genitore in bambini con Disturbo dello Spettro Autistico: applicazione del modello PACT - Sapienza Università di Milano Bicocca - Anno Accademico 2020-2021.

(ENG: "Parent-mediated therapy for children with Autism Spectrum Disorder: implementation of the PACT model")

Il Disturbo dello Spettro Autistico è una patologia che interessa due competenze che caratterizzano l’umano e che consentono di rapportarsi con l’altro: interagire e comunicare. È facile intuire quindi come l’alterazione o la riduzione di queste capacità nel bambino con ASD intrinsecamente porti con sé interrogativi, vissuti di colpa o di scarsa efficacia, nonché una difficoltà e una fluttuazione da parte dei caregivers nell’interpretare i significati interattivo-comunicativi che emergono nello spazio diadico. Si radica frequentemente un disagio genitoriale importante nel modo di gestire e di relazionarsi con il figlio, che a sua volta influenza la possibilità del bambino stesso di entrare in relazione con le figure di riferimento in uno spazio noi-centrico, proprio perché egli vive la difficoltà di essere compreso. Secondo la letteratura scientifica degli ultimi anni, l’intervento mediato dal genitore risulta una scelta efficace all’interno del percorso clinico-riabilitativo del bambino con ASD, proprio perché l’acquisizione e l’evoluzione delle competenze sociali, relazionali e comunicative dei primi anni di vita avvengono principalmente nel contesto familiare. L’intervento parent-mediated, in tale ottica, è volto a creare possibilità di esperienze centrate sul piacere di condividere e giocare insieme, attivando scambi dinamici che modifichino sia il bambino sia il genitore, in un processo di co-costruzione che restituisca al bambino un’immagine di sé comunicativa e accolta dal genitore e, al caregiver, un senso di competenza e adeguatezza nel rapporto con il proprio figlio, grazie all’implementazione delle proprie risorse naturali. I programmi di intervento mediati dai genitori risultano ad oggi essere molto eterogenei tra loro per le finalità e per i destinatari cui sono rivolti: il Paediatric Autism Communication Therapy in particolare è volto a migliorare le competenze comunicative in bambini con ASD, sostenendo la diade proprio nelle difficoltà in ambito dell’attenzione condivisa, della comprensione e della comunicazione intenzionale, in un setting naturale nel quale il bambino possa apprendere e fare un uso funzionale delle competenze acquisite anche in diversi contesti di vita. Partendo dalla relazione genitore-figlio, l’applicazione di questo modello di intervento mira alla creazione di uno spazio condiviso in cui il bambino sperimenti e sviluppi una conoscenza più coerente della realtà, dell’altro e di se stesso, misurandosi nelle esperienze significative esterne e interne fatte insieme al genitore, in un’ottica di sintonizzazione, ascolto, comprensione e accoglienza.

 

Indice
 
ABSTACT - INTRODUZIONE
 

N.B.

In questi ultimi giorni stiamo ricevendo diverse tesi le quali sono in attesa di essere pubblicate, per questioni di tempi è probabile che per il momento la presente tesi sia stata inserita in formato immagine. Al più presto completeremo l’inserimento rispettando i canoni da noi prefissati e cioè editando direttamente il testo nei diversi articoli del portale.

15/10/2021 - Redazione web

 
CONCLUSIONI
 
BIBLIOGRAFIA
 
Tesi di Laurea di: Arianna ARTIFONI
 













































































































































































































































































































































































































































































































































Tratto da www.neuropsicomotricista.it  + Titolo dell'articolo + Nome dell'autore (Scritto da...) + eventuale bibliografia utilizzata