Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Materiale e metodo di valutazione

colore rosaLa casistica in osservazione per tale studio, svolto nel Centro di Riabilitazione e Prevenzione dell’età evolutiva “Il Cucciolo”, comprende 15 soggetti di età compresa tra 3 e 6 anni (età media di 4 anni e 2 mesi), che presentano diversi quadri clinici e diverse patologie così suddivisi:

colore verde5 bambini con Disturbo dello Spettro dell'Autismo (ASD)

colore azzurro5 bambini con Disabilità Intellettiva (DI)

5 bambini con Disturbo del Linguaggio (DL)

Nella Tabella 9 riportata qui sotto sono indicati i principali dati dei bambini in studio e dei trattamenti da loro effettuati.

 

Nome

Sesso

Data di nascita

E.C. (Aprile 2016)

Diagnosi

Trattamenti

1

E.M.

M

20/9/2011

4 anni, 6 mesi

ASD

NPM*

LOGO**

ACQ***

2

D.L.

M

4/4/2011

5 anni

ASD

NPM

LOGO

 

3

S.D.

M

23/8/2012

3 anni, 7 mesi

ASD

NPM

LOGO

 

4

G.D.

M

29/9/2011

4 anni, 6 mesi

ASD

NPM

LOGO

 

5

S.O.

M

26/1/2012

4 anni, 2 mesi

ASD

NPM

LOGO

 

6

S.S.

F

17/7/2011

4 anni, 8 mesi

DI

NPM

 

7

B.L.

F

9/8/2012

3 anni, 8 mesi

DI

NPM

LOGO

 

8

S.G.

F

4/12/2011

4 anni, 4 mesi

DI

NPM

LOGO

 

9

A.D.

F

11/12/2012

 

3 anni, 4 mesi

DI

NPM

LOGO

10

A.A.

M

14/4/2011

 

5 anni

DI

NPM

LOGO

 

11

S.P.

M

25/1/2012

 

4 anni, 2 mesi

DL

NPM

LOGO

ACQ

12

E.B

 

M

9/5/2013

 

2 anni, 11 mesi

DL

LOGO

 

13

G.R

 

F

12/11/2011

 

4 anni, 5 mesi

DL

LOGO

ACQ

 

14

S.M

 

F

29/9/2012

 

3 anni, 7 mesi

DL

LOGO

 

15

I.P

F

11/8/2011

4 anni, 8 mesi

DL

LOGO

 


* NPM (Neuropsicomotricità)
** LOGO (Logopedia)
***ACQ (Acquaticità)

Ai bambini oggetto di studio sono state somministrate le scale Griffiths presso l’Ospedale G.Gaslini e/o il Centro di Riabilitazione “Il Cucciolo” e le ABC Movement presso il Centro di Riabilitazione “Il Cucciolo”.

I bambini sono stati sottoposti a questi test per poter avere una panoramica più chiara del loro sviluppo motorio, delle loro abilità presenti, emergenti e assenti per poter definire degli obiettivi per il trattamento terapeutico.

Le loro abilità motorie sono state studiate e confrontate in base alla patologia, in modo da poter verificare una possibile correlazione all’interno dello stesso disturbo e trovare obiettivi comuni sui quali lavorare.

Dopo un’attenta valutazione effettuata con i test standardizzati sopra citati, è stata presa visione una panoramica riassuntiva dei punti deboli, dei punti forti e delle abilità emergenti per ogni bambino, in modo da attuare un efficace trattamento riabilitativo neuropsicomotorio.

Le strategie adottate durante le attività riabilitative seguivano in modo coerente gli obiettivi stilati per quanto riguarda l’area motoria; nello stesso tempo non sono stati abbandonati gli obiettivi riabilitativi propri della patologia del soggetto quali il potenziamento delle abilità comunicative e relazionali nei bambini con Disturbo dello Spettro dell’Autismo, le competenze ludico-cognitivi per i portatori di Disabilità Intellettiva, e il potenziamento della comunicazione espressiva e recettiva per i soggetti con Disturbo del Linguaggio.

Gli obiettivi e le strategie proposte sono andate ad integrarsi al fine di fornire al bambino un’attività che coinvolgesse la sua globalità.

 

Risultati ottenuti alla valutazione a T0

Nello specifico verrà ora descritto ogni soggetto rientrante a far parte dello studio, con una breve descrizione delle sue abilità motorie e i risultati specifici ottenuti durante le singole valutazioni.

CASO 1, ASD: E.M., M

Il bambino è stato preso in carico presso il centro dal mese di Giugno 2014 (E.C. 2 anni e 9 mesi), in merito alla diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico di forma lieve, con sedute di logopedia, neuropsicomotricità in piccolo gruppo e acquaticità.

Dai risultati ottenuti alla somministrazione delle scale Griffiths (E.C. 4 anni e 6 mesi al momento della valutazione) emerge un profilo al di sotto dei valori della norma, con un Quoziente Globale di sviluppo di 76, corrispondente ad un’età mentale di 3 anni e 5 mesi. Appare molto deficitario il punteggio ottenuto per quanto riguarda la scala Locomotoria e Personale-Sociale, mentre quelle Oculo-Manuale e delle Performance risultano più vicine alla soglia della norma.

 

 Grafico 1. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Grafico 1. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

 

E.M.

(4aa,6ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

-

Salta giù da 3 gradini

IV

+/-

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

+/-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

-

Tabella 10. GMD-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.


icona rossoCapacità acquisita


icona gialloCapacità emergente


icona verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 il bambino è stato sottoposto al test ABC Movement per la valutazione della sua motricità.
Dai risultati emerge una compromissione importante, soprattutto nelle abilità manuali e nell’equilibrio.

 

Grafico 2.  Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 2. Profilo a T0, ABC Movement

 

Per quanto riguarda le sue competenze di motricità globale E. presenta una regolazione tonica caratterizzata da un ipertono generale agli arti inferiori e superiori che lo portano a eseguire gli esercizi richiesti con una certa rigidità, che compromette la qualità dell’atto motorio.

In particolare esegue correttamente un salto a piedi uniti da un rialzo. Il salto a piedi uniti è presente ma con scarsa flessione del ginocchio e minima elevazione. Presenta ancora difficoltà nel salto a campana (con l’alternanza di apertura e chiusura delle gambe durante la fase di volo).

Presenta difficoltà nel saltare un ostacolo di 20 cm di altezza circa: durante la fase di preparazione flette eccessivamente le ginocchia fino ad accucciarsi e protende il tronco in avanti, ma è presente poca forza durante l’elevazione, che infatti risulta minima. Durante l’atterraggio si può notare un tono eccessivo agli arti inferiori (sbatte i piedi a terra).

L’equilibrio dinamico risulta da potenziare: nel cammino sulla trave tende a girare il piede perpendicolare alla direzione dell’asse o a tenere i piedi l’uno vicino all’altro eseguendo piccoli passi. Spesso mette i piedi a terra e ricerca un appoggio. Con l’aiuto di un supporto propriocettivo dato dalla terapista migliora la fluenza nel cammino. Buon equilibrio in posizione eretta sulle punte.

Per quanto riguarda le abilità con la palla E. presenta una globale difficoltà nella coordinazione e pianificazione delle sequenze degli atti motori, della valutazione della traiettoria e della distanza. Durante il gioco del lancio a canestro si nota una scarsa flesso-estensione del gomito che risulta completamente esteso con un movimento dall’alto al basso e tendenza ad appoggiare la palla più che a lanciarla. La lateralità nel lancio è incerta, talvolta lancia con la destra e talvolta con la sinistra.

Lancia una palla grande ad un compagno con due mani dal basso verso l’alto e la riceve tra gli avambracci e il petto, ma gli scambi con l’altro devono essere sempre mediati dal terapista.

Sul triciclo pedala alternando la spinta delle gambe, ma tiene i piedi in equinismo appoggiati sui pedali e le ginocchia intra-ruotate. Mantiene la corretta direzione del manubrio con gli arti superiori e tenta di curvare seguendo le istruzioni date, ma si nota anche in questo caso una rigidità alle braccia e spalle.

Durante l’imitazione di gesti motori globali con l’utilizzo di canzoncine dell’infanzia E. presenta una discreta dissociazione e coordinazione di mani e gambe. Imita gesti e posture, ma presenta difficoltà nell’inserimento di nuovi gesti all’interno della solita routine. Imita posture grossolane assunte dalla terapista (braccia aperte e gambe aperte alternativamente), mentre risulta più difficile eseguirle su istruzione verbale.

Il bambino ha svolto anche delle sedute di acquaticità presso la piscina di Genova Prà “GS Aragno” nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno, a cui ho potuto partecipare. Anche in questo ambito il bambino ha dimostrato un’ipertonia generale e una rigidità dei distretti corporei durante la mobilizzazione passiva e la mediazione dell’acqua.

Prendendo in considerazione le valutazioni effettuate si può concludere come bilancio i seguenti punti forti, emergenti e deboli riportati in tabella.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Coordinazione motoria generale e visuomotoria
  • Forza e Energia (salto)
  • Abilità manuali
  • Abilità con la palla
  • Percezione della profondità
  • Equilibrio

 

  • Agilità e Flessibilità

 

Tabella 11.

 

CASO 2, ASD: D.L., M

Il bambino è giunto presso il centro nel mese di Gennaio 2014 (E.C. 2 anni e 9 mesi), in merito ad immaturità linguistica e negli aspetti comunicativo-relazionali, e dopo poco presso l’Istituto G. Gaslini è stata effettuata la diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico.

D. svolge sedute settimanali di logopedia e neuropsicomotricità di gruppo.

Nel mese di Marzo 2016 il bambino è stato sottoposto a valutazione presso l’U.O. Neuropsichiatria Infantile dell’IRCCS G. Gaslini, mediante la somministrazione delle scale Griffiths (E.C alla valutazione: 4 anni e 11 mesi).

I risultati sono collocabili intorno ad un’età mentale di 3 anni, con un Quoziente di Sviluppo Globale deficitario: 62 ed un profilo prestazionale nelle differenti scale deficitario.

 Grafico 3. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 3. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Prendendo in considerazione i singoli items della scala A si può notare un profilo abbastanza armonico con difficoltà in quasi tutti i costrutti, soprattutto in: Energia e Forza, Agilità e Flessibilità, Equilibri e Coordinazione motoria generale. Risulta acquisita e in alcuni item emergente in base all’età cronologica la Coordinazione visuomotoria.

D.L.

(4aa,11ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

+/-

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

-

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

-

Salta giù da 3 gradini

IV

+/-

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

-

Scende le scale di corsa

IV

+/-

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

+/-

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

+/-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

-

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

-

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

-

Tabella 12. GMD-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 il bambino è stato sottoposto alla somministrazione delle ABC Movement.

Il Grafico sottostante illustra i Punteggi di Compromissioni ottenuti nelle singole aree.Le abilità manuali e l’equilibrio risultano essere le competenze più deficitarie.

Casella di testo: <1°P Grafico 4. Profilo a T0, ABC Movement

 Grafico 4. Profilo a T0, ABC Movement

Il bambino durante le attività motorie presenta un’ipotonia generale che spesso compromette la buona riuscita delle prove.

Salta giù da un rialzo non atterrando con entrambi i piedi contemporaneamente. Nel salto nei cerchi flette le ginocchia in preparazione del salto ma è scarsa anche in questo caso la spinta elevatoria e lo stacco contemporaneo di entrambi i piedi da terra, che impediscono una buona esecuzione del salto a piedi uniti in avanti.

Lo stesso accade per un salto di un ostacolo di 20 cm di altezza circa: non salta l’ostacolo ma lo scavalca prima con un piedi e poi con l’altro.

Per quanto riguarda l’equilibrio statico D. oscilla e non mantiene la posizione eretta in punta di piedi per pochi secondi e nelle attività di equilibrio dinamico sono presenti difficoltà a camminare con un piede uno davanti all’altro lungo una linea retta o una trave.

Nelle abilità con la palla D. mostra un’attenzione molto labile soprattutto negli scambi con i compagni: lancia la palla con entrambe le mani e con una flesso-estensione del gomito in avanti partendo dal petto. Riceve la palla tra gli avambracci e il petto se le viene lanciata precisa. Durante questi scambi spesso ha bisogno di istruzioni verbali o fisiche per posizionarsi correttamente ad attendere la palla in arrivo o per facilitare l’aggancio visivo sugli occhi e le mani dell’altro.

Sul triciclo D. spinge i piedi sui pedali appoggiando il tallone e mantenendo le punte rivolte verso l’alto e le ginocchia extraruotate (si nota l’ipotonia degli arti inferiori). Controlla grossolanamente la direzione con il manubrio tenendo il tronco all’indietro. Durante l’esercizio sono presenti sincinesie bucco-facciali.

In semplici canzoncine dell’infanzia D. presenta difficoltà nell’imitare gesti e posture: imita posture grossolane assunte dalla terapista (braccia aperte e gambe aperte alternativamente), mentre risulta più difficile eseguirle su istruzione verbale.

È presente una scarsa dissociazione degli arti superiori e inferiori nelle canzoncine, apre e chiude alternativamente tutte e due le mani anche se ne è richiesta una sola. Difficoltà nell’esecuzione di azioni diverse e contemporanee con gli arti.

Prendendo in considerazione le valutazioni effettuate si può concludere come bilancio i seguenti punti forti, emergenti e deboli riportati in tabella.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Coordinazione generale
  • Forza e Energia (salto)
  • Agilità e Flessibilità
  • Abilità manuali
  • Abilità con la palla
  • Percezione della profondità

 

Tabella 13.

 

CASO 3, ASD: S.D., M

Il bambino è stato preso in carico presso il centro dal mese di Novembre 2015 (E.C. 3 anni e 2 mesi), in merito alla diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico. S. svolge sedute bisettimanali di logopedia e psicomotricità.

Nel mese di Maggio 2016 il bambino è stato sottoposto alla valutazione mediante le scale Griffiths presso l’U.O. Neuropsichiatria Infantile dell’IRCCS Giannina Gaslini (E.C. 3 anni e 7 mesi al momento della valutazione).

Dai risultati emerge un Quoziente Globale di 74, corrispondente ad un’età mentale di 2 anni e 2 mesi. Il profilo risulta essere disarmonico.

 Grafico 5. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 5. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dall’analisi del costrutto della scala A emerge un profilo prestazionale nella norma.

S.D.

(3aa,7ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

-

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

-

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

+/-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

-

Salta giù da 4 gradini

IV

-

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

-

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

-

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

-

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

-

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

-

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

-

Saltella alternando i piedi

IV

-

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

-

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

-

Gioco della campana (1)

IV

-

Gioco della campana (2)

IV

-

Gioco della campana (3)

IV

-

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

-

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+


Tabella 14. GMD-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

A maggio 2016 il bambino ha effettuato la valutazione motoria attraverso il test ABC Movement, e dai risultati ottenuti si può notare una globale compromissione in tutte le tre aree.

Casella di testo: <1°PGrafico 6. Profilo a T0, ABC Movement

 Grafico 6. Profilo a T0, ABC Movement.

Durante le attività motorie proposte in stanza S. presenta una globale ipotonia alternata a scariche motorie più o meno brevi accompagnate ad una componente tonica di rigidità (stereotipie motorie ripetitive) e una scarsa attenzione a istruzioni verbali o gestuali. In attività dove il corpo viene investito globalmente S. non mantiene una buona attenzione sostenuta sul compito, tanto che ha bisogno di essere richiamato più volte dalla terapista anche per sollecitare l’attenzione visiva e l’aggancio.

Il salto a piedi uniti in avanti non è acquisito, talvolta risulta emergente: non è presente la flessione delle ginocchia in fase di preparazione, ha bisogno di essere guidato, ed è assente la fase di stacco da terra.

Nel superare un ostacolo molto basso spontaneamente stacca solo con un piede alla volta, tale per cui scavalca l’ostacolo. Se incoraggiato più volte e con aiuto fisico si può notare una minima fase di volo.

S. non riesce a mantenersi in equilibrio sulle punte a seguito di istruzioni verbali e all’interno di un esercizio strutturato, ma è presente durante il suo cammino spontaneo. Per quanto riguarda l’equilibrio dinamico sulla trave talvolta riesce a portare i piedi uno davanti all’altro, ma nella maggior parte dei casi procede camminando con un solo piede sulla trave e l’altro a terra.

La corsa spesso risulta inibita, le braccia sono vicine al tronco e la falcata è breve, spesso sulle punte, altre volte solleva eccessivamente i piedi (calciata dietro).
Le sue abilità con la palla risultano inficiate anche dalla sua scarsa attenzione sostenuta e condivisa e dalle molte stereotipie motorie. S. lancia la palla verso l’alto con la flesso-estensione del gomito rivolgendo lo sguardo verso l’alto, con mancata direzionalità verso l’altro e poca intenzionalità nello scambio: spesso rivolge il corpo lateralmente e lancia la palla casualmente non al compagno.

S. non riceve la palla in autonomia, non prepara le braccia protese in avanti e si rifiuta di prenderla, facendola rimbalzare sul petto e rivolgendo lo sguardo altrove.
Calcia la palla sia da ferma che in movimento con il piede sinistro, insegue la palla ma non la calcia in direzione dell’altro e non sempre riesce a mantenere una sua posizione durante il gioco di scambio.

Sul triciclo spontaneamente procede in avanti e indietro spingendosi con i piedi a terra, e questa continua ad essere la modalità preferita di spostamento. A seguito di sollecitazioni e spiegazioni S. sperimenta il movimento corretto e riesce ad eseguirlo per brevi distanze in autonomia (2-3 pedalate). Sono presenti difficoltà ad iniziare e mantenere il pattern motorio complesso. Non sono ancora coordinati i movimenti di arti inferiori e superiori (pedalaggio e direzione del manubrio), ma maggiormente concentrato sul primo, mantenendo lo sguardo sui suoi piedi.

S. non imita spontaneamente i gesti delle canzoncine e talvolta diventa rigido se gli viene offerto prompt fisico, allontanandosi dal terapista. Sono scarse anche le capacità di imitazione di posture grossolane, soprattutto quando la terapista gli propone di riprodurre una posizione in funzione della giusta esecuzione di un esercizio motorio.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità Manuali
  • Abilità con la palla
  • Agilità e Flessibilità
  • Salti
  • Coordinazione motoria generale
  • Percezione della Profondità

Tabella 15.

 

CASO 4, ASD: G.D., M

Il bambino è giunto presso il centro nel mese di ottobre 2014 (E.C. 3 anni e 1 mese), in merito a Disturbo del Linguaggio e della Comunicazione. Attualmente svolge una seduta di neuropsicomotricità in piccolo gruppo e una seduta di logopedia a settimana.

Nel mese di Maggio 2016 G. è stato sottoposto alla valutazione del livello di sviluppo tramite la somministrazione delle scale GMDS-ER (E.C. alla valutazione: 4 anni e 8 mesi).

Dal profilo ottenuto si evidenzia una certa disarmonia e un’età mentale di 4 anni.

Il Quoziente di Sviluppo di 68 risulta deficitario.

Grafico 7. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 7. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dall’analisi dei costrutti della scala A si nota un profilo disarmonico, caratterizzato da abilità acquisite (items della Percezione Motoria e Coordinazione Generale) e punti deboli quali Energia e Forza, Agilità e Flessibilità. Coordinazione visuomotoria e Equilibrio risultano emergenti e quindi possono essere considerati come primi obiettivi per il trattamento abilitativo.

G.D

(4aa,8ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

-

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

+/-

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

-

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

-

Tabella 16. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita


Inoltre al bambino sono state somministrate le ABC Movement nel mese di Maggio 2016, presso il Centro.

Tutte le aree indagate risultano compromesse, in particolare le abilità manuali e l’equilibrio.

Casella di testo: 9°PGrafico 8. Profilo a T0, ABC Movement


Grafico 8. Profilo a T0, ABC Movement

Le sue abilità motorie sono caratterizzate da un’ipotonia generale, soprattutto degli arti inferiori; infatti tende a sedersi tra i talloni e a non mantenere le ginocchia sotto la pancia, e negli arti superiori si riscontra a livello di manualità (es. mettersi le scarpe o le calze, nel quale necessita ancora di aiuto).

Esegue correttamente un salto a piedi uniti da un rialzo. Presenta ancora difficoltà nella dissociazione del salto a campana (con l’alternanza di apertura e chiusura delle gambe durante la fase di volo), anticipando con un piede e poi di conseguenza l’altro, sia in apertura che in chiusura.

Nel salto di un ostacolo durante la fase di preparazione flette le ginocchia, e dopo essere stato aiutato più volte esegue il salto da solo, ma l’elevazione è scarsa.

L’equilibrio dinamico risulta discreto, mette un piede davanti all’altro, ma spesso la scarsa attenzione lo porta a cadere dalla trave. A volte cerca un supporto durante il mantenimento dell’appoggio monopodalico.

Corre velocemente per la stanza sbattendo con eccessivo tono i piedi.

Per quanto riguarda le sue abilità con la palla G. lancia con entrambe le mani dal basso verso l’alto o con una sola mano, a volte utilizza la destra, altre volte la sinistra. Presenta difficoltà nel direzionare la palla e nella regolazione della forza necessaria al passaggio verso il compagno. Riceve la palla tra gli avambracci e il petto, ma ha bisogno di prompt fisico per posizionare in anticipo le braccia e prepararsi all’arrivo della palla, soprattutto per quanto riguarda la velocità di reazione, di spostamento e lo sguardo attento all’altro e alla palla.

Sul triciclo si riscontra un’iniziale difficoltà a posizionare i piedi sui pedali e ad alternare il movimento coordinando gli arti inferiori. Presenta difficoltà ad iniziare la sequenza motoria, ma riesce a mantenerla per brevi spazi dopo essere stato aiutato a partire. Manca ancora la direzionalità del manubrio, in quando l’attenzione viene concentrata principalmente sul movimento delle gambe.

A causa della sua attenzione deficitaria non imita continuamente i gesti in una canzoncina semplice dell’infanzia, e se viene inserita una variante nella routine fa fatica a riprodurla correttamente se non riceve aiuto.

Imita semplici posizioni grossolane della terapista (braccia aperte e gambe aperte alternativamente), con alcune difficoltà nella dissociazione degli arti. Fa fatica a riprodurre delle posizioni su istruzioni verbali.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Energia e Forza
  • Agilità e Flessibilità
  • Abilità Manuali
  • Coordinazione Visuomotoria
  • Abilità con la palla
  • Equilibrio
  • Coordinazione generale
  • Percezione Profondità

Tabella 17.

 

CASO 5, ASD: S.O., M

Il bambino è giunto presso il centro nel mese di Dicembre 2014 (E.C. 3 anni), in merito di difficoltà del Linguaggio e della Comunicazione.

Nel mese di Aprile 2016 (E.C. 4 anni e 3 mesi nel momento della valutazione) sono state somministrate a S. le scale Griffiths.

Dalla valutazione è emerso un Quoziente di Sviluppo di 74, corrispondente ad un’età mentale di 3 anni.

Come si può notare dal grafico il profilo risulta disarmonico, con più alte performance dimostrate nella scala D ed E (Coordinazione Occhio-mano e Performance), e cadute nella scala B (Socio-relazionale).

 Grafico 9. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 9. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dall’analisi dei costrutti si evince una compromissione soprattutto nell’area Energia e Forza, mentre risaltano in linea con l’età i costrutti di Coordinazione motoria generale e visuomotoria. Equilibrio e Percezione della profondità sono competenze emergenti.

S.O

(4aa,3ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+/-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

+/-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

-

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+/-


Tabella 18. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 il bambino è stato sottoposto alla valutazione motoria per mezzo delle ABC Movement, presso il Centro.

Dai risultati si ottiene un Punteggio di Compromissione di 21, di cui maggiormente deficitarie sono le aree di abilità manuali e equilibrio.

Grafico 10. Profilo a T0, ABC Movement


Grafico 10. Profilo a T0, ABC Movement.

La maggior parte delle volte che entra in stanza il bambino mette in atto una serie di comportamenti problema che interferiscono sulla seduta (piange, vuole uscire, si rifiuta di eseguire le attività con atteggiamenti provocatori, si siede per terra e non vuole alzarsi).

Questo atteggiamento ha influito negativamente sull’esito delle prove somministrate e sulla buona riuscita dei compito.

Per quanto è stato potuto osservare in fase valutativa il bambino presenta una buona regolazione tonica ma scarse capacità in equilibrio dinamico; cammina sulle punte ma non sulla linea, non porta un piede l’uno davanti all’altro.

Salta un ostacolo preparandosi allo stacco con flesso-estensione delle ginocchia ma è scarsa la spinta elevatoria, tale per cui i piedi non vengono mantenuti uniti.

Talvolta per la scarsa volontà e per il subentrare di fattori comportamentali S. scavalca l’ostacolo prima con un piede e poi con l’altro.

Lancia la palla con due mani dal basso verso l’alto con scarsa flessione del gomito. Il lancio non risulta preciso in quanto l’aggancio visivo è sfuggente, la direzione della traiettoria non è controllata e ci sono difficoltà nel regolare correttamente la forza.

Riceve la palla con due mani appoggiandola alla pancia, prepara le braccia tese in avanti ma distanti l’una dall’altra e appena arriva la palla le porta vicine.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Energia e Forza

 

  • Equilibrio
  • Percezione Profondità
  • Coordinazione generale
  • Coordinazione Visuomotoria


Tabella 19.

 

CASO 6, DI: S.S., F

S. è stata presa in carico presso il centro nel mese di Giugno 2015 (E.C. 3 anni e 11 mesi), in merito ad un ritardo globale dello sviluppo. Frequenta due sedute di neuropsicomotricità alla settimana.

La bambina è stata sottoposta alla valutazione per mezzo delle scale Griffiths nel mese di Luglio 2015, (E.C. al momento della valutazione 4 anni).

Dai risultati emerge un Quoziente di Sviluppo pari a 36, quindi molto inferiore rispetto alla norma, corrispondente ad un’età mentale di 2 anni e 7 mesi.

L’andamento del profilo ottenuto risulta armonico, ma presenta un’evidente caduta per quanto riguarda la scala E (Performance) in cui la bambina ottiene un Quoziente <50.

Grafico 11. Profilo a T0, GMDS-ER

Grafico 11. Profilo a T0, GMDS-ER.

Nella tabella sottostante si possono notare le abilità acquisite, non acquisite ed emergenti della bambina, e risulta un profilo particolarmente disarmonico, con cadute nell’Equilibrio e nella Coordinazione e con minori difficoltà in Agilità e Flessibilità.

S.S

(4aa)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

+/-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

+/-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

+/-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

-

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

+/-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

+/-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

-

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

-

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

-

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

-


Tabella 20. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Inoltre nel mese di Maggio 2016 sono state somministrate presso il Centro le ABC Movement per effettuare la valutazione motoria. Dalla valutazione emerge una generale compromissione in tutte le aree, particolarmente nelle abilità manuali e nell’equilibrio.

Durante l’esecuzione delle prove e di qualsiasi attività motoria la bambina presenta una generale ipotonia degli arti, tanto che per quanto riguarda l’equilibrio statico e dinamico

 

3° P

 Grafico 12. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 12. Profilo a T0, ABC Movement

presenta difficoltà a mantenersi in posizione eretta su un solo piede, e non riesce a controllare l’assialità del proprio corpo camminando su una linea con un piede l’uno davanti all’altro.

Anche il salto a piedi uniti risulta emergente: si può notare una scarsa elevazione da terra e i piedi non vengono mantenuti uniti. Presta poca attenzione durante un percorso psicomotorio nel quale deve eseguire tutti i passaggi richiesti con precisione. Procede velocemente non saltando correttamente in tutti i cerchi e non mantiene un ritmo.

Necessita di un supporto propriocettivo durante un salto ad ostacolo di circa 20 cm di altezza; la flessione delle ginocchia appare esagerata rispetto alla reale elevazione da terra.

Le abilità con la palla risultano da potenziare: S. non presenta un controllo costante nel gioco della palla. Lancia la palla con entrambe le mani dal basso verso l’alto e ha maggiori difficoltà nella ricezione anche a causa della scarsa attenzione all’altro. Trattiene la palla tra gli avambracci e il petto se le viene lanciata in modo preciso.
Nel lancio al bersaglio utilizza ogni volta una diversa modalità, prima con la mano destra poi con la sinistra. Presenta difficoltà a direzionare la palla con una sola mano e a regolare la forza necessaria per fare canestro, e manca la flesso-estensione del gomito.

Sul triciclo spontaneamente si siede e procede spingendosi con i piedi a terra. Se istruita a pedalare accenna il corretto pattern di movimento per brevi distanze con difficoltà nella partenza, concentrandosi prevalentemente sul movimento degli arti superiori, senza badare al controllo della direzione.

Imita semplici gesti e posture in brevi canzoncine per l’infanzia, anche se non sempre mantiene la fluenza e il corretto ritmo.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Coordinazione generale
  • Coordinazione Visuomotoria
  • Equilibrio
  • Percezione Profondità
  • Energia e Forza
  • Abilità con la palla
  • Agilità e Flessibilità


Tabella 21.

 

CASO 7, DI: B.L, F

La bambina è giunta presso il centro nel mese di Marzo 2015 (E.C. 2 anni e 7 mesi) e presenta un quadro di ritardo psicomotorio globale. Frequenta una seduta di neuropsicomotricità e una di logopedia a settimana.

Nel mese di Maggio 2016 la bambina è stata sottoposta alla valutazione globale di sviluppo mediante l’utilizzo delle scale Griffiths (E.C alla valutazione 3 anni e 9 mesi).

Dai risultati emerge un profilo perlopiù armonico e al di sotto i livelli della norma e viene pertanto confermato un ritardo globale dello sviluppo con un’età mentale di 2 anni e 8 mesi. Il Quoziente di sviluppo è 67.

Grafico 13. Profilo a T0, GMDS-ER

Grafico 13. Profilo a T0, GMDS-ER.

Dai risultati della Griffiths si ottiene un buon Quoziente parziale di sviluppo relativo alla scala A (91). Buona parte delle competenze relative all’età cronologica sono acquisite. Dall’analisi dello specifico costrutto si notano ancora qualche difficoltà nel salto (Energia e Forza), nella Coordinazione visuomotoria e nell’Equilibrio.

B.L.

(3aa,9ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+/-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

 

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

 

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

 

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

 

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+/-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+/-


Tabella 22. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 sono state somministrate le ABC Movement per avere un quadro più completo delle abilità motorie della bambina.

Tutte le tre aree valutate risultano compromesse, in particolare le abilità manuali e l’equilibrio, tanto che il Punteggio Globale di Compromissione risulta 27.

< 1° P

 Grafico 14. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 14. Profilo a T0, ABC Movement.

B. si presenta come una bambina goffa e impacciata negli spostamenti e spesso si lascia cadere a terra durante delle attività motorie in stanza.

B. esegue correttamente un salto a piedi uniti su e giù da un rialzo, talvolta con scarso equilibrio. Salta correttamente all’interno dei cerchi a piedi uniti in avanti, mentre è emergente il salto a campana (con dissociazione degli arti in apertura e chiusura nella fase di volo), nel quale risulta discreta la dissociazione chiuso-aperto, mentre più deficitaria la dissociazione aperto-chiuso.

Talvolta non mantiene la fluenza nella sequenza dei salti, fermandosi in mezzo al percorso, con la necessità di essere richiamata per portare al termine il compito.
Nella fase di preparazione per un salto all’ostacolo la bambina flette e estende il ginocchio e presenta una discreta elevazione che le fa portare a termine il compito, talvolta ha bisogno di sostegno e di una mediazione e appare più insicura se percepisce l’ostacolo troppo alto, ma il compito è eseguito in autonomia con un tono eccessivo durante l’atterraggio (pesta i piedi per terra).

Ha bisogno di essere guidata nella giusta direzione dall’inizio alla fine di un percorso tra i birilli, nel quale risulta evidente lo scarso aggancio all’attività in atto e la scarsa attenzione.

L’equilibrio dinamico risulta da affinare, ma porta a termine il compito: cammina sull’asse con un piede davanti all’altro e le braccia aperte come compenso alla perdita di equilibrio. Talvolta cammina sulla trave sulle punte per pochi passi.

Per quanto riguarda le abilità con la palla si può notare che il lancio sembra più simile ad un getto, in quanto non rivolge lo sguardo verso l’altro e non mantiene la sua posizione nella stanza se non contenuta.

Anche la ricezione è guidata, il terapista deve aiutarla a posizionare correttamente gli arti superiori vicini in avanti in preparazione all’arrivo della palla. A seguito del lancio (che deve essere preciso) trattiene la palla tra gli avambracci e il petto, flettendo il gomito, ma non porta a termine il compito in autonomia.

Calcia la palla da ferma con il piede destro ma non la direziona verso l’altro. Riceve la palla rincorrendola e raccogliendola con le mani, senza fermarla con il piede.
Sul triciclo mantiene per brevi tratti il pattern motorio corretto, spingendo sui pedali con tutta la pianta dei piedi. Procede lentamente per la stanza con scarso controllo visivo, non mantenendo lo sguardo in avanti, ma girando il capo o rivolgendo gli occhi in basso. Si direziona verso l’altro e talvolta scansa dei semplici ostacoli.

In semplici canzoncine per l’infanzia B. presenta una scarsa la dissociazione delle mani durante l’imitazione di gesti. Inoltre a causa della scarsa attenzione e dello scarso aggancio sull’altro le risulta difficile l’imitazione di gesti motori grossolani e posture, nelle quali ha bisogno di mediazione fisica da parte della terapista. Nonostante ciò riesce ad imitare gesti motori semplici e mostra interesse verso l’attività e dimostra una certa emozione congiunta.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità manuali
  • Energia e Forza (salti)
  • Coordinazione visuomotoria e Abilità con la palla
  • Agilità e Flessibilità
  • Percezione Profondità

 

Tabella 23.

 

CASO 8, DI: S.G, F

La bambina giunge presso il centro di riabilitazione nel mese di Giugno 2015 (E.C. 3 anni e 7 mesi), inviata in merito a immaturità globale e ritardo del linguaggio.

Attualmente svolge una seduta di neuropsicomotricità e una di logopedia.

Nel mese di Settembre 2015 la bambina ha effettuato la valutazione mediante la somministrazione delle scale Griffiths (E.C di 3 anni e 9 mesi al momento della valutazione).

Si è ottenuto un Quoziente di Sviluppo di 65, corrispondente ad un’età equivalente di 2 anni e 5 mesi. Il profilo dato dal grafico sottostante mostra un andamento armonico al di sotto della norma, con un’ulteriore caduta nella scala C (Linguaggio).

Grafico 15. Profilo a T0, GMDS-ER

Grafico 15. Profilo a T0, GMDS-ER.

Dall’analisi del costrutto si evince un buon profilo motorio, con alcune abilità emergenti, tra cui il salto (Energia e Forza), la Percezione della Profondità e l’Equilibrio.

S.G.

(3aa, 9ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+/-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

+/-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

+/-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

+/-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+/-

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+/-

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+/-


Tabella 24. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Sono state inoltre somministrate alla bambina le ABC Movement pe la valutazione motoria, nel mese di Maggio 2016 presso il Centro.

Il grafico sottostante riporta i risultati ottenuti e si può notare una globale compromissione in tutte le aree indagate.

4°P

 Grafico 16. Profilo T0, ABC Movement

Grafico 16. Profilo T0, ABC Movement

La bambina oltre un ritardo globale di sviluppo presenta difficoltà del linguaggio a livello articolatorio, determinato anche dalla protrusione della mandibola.

S. dimostra volontà nel comunicare e di entrare in relazione con l’altro, ma spesso sono presenti comportamenti oppositivo-provocatori che influenzano i risultati delle attività proposte (spesso si rifiuta di eseguire dei compiti, mette in atto atteggiamenti di fuga dalla stanza o condotte etero aggressive verso la terapista, ha difficoltà a rimanere seduta a tavolino).

Vista la sua scarsa attenzione sostenuta a tavolino, le attività di motricità globale sono preferite.

L’equilibrio statico e dinamico risulta discreto, cammina sulla trave con un piede davanti all’altro, talvolta fa piccoli passi ravvicinati e esegue il compito frettolosamente.

S. lancia la palla con due mani dal basso verso l’alto con una buona direzione verso l’altro, e ricerca anche lo scambio con i presenti nella stanza. Riceve la palla con due mani appoggiandola alla pancia, talvolta non anticipa il movimento della presa. Prepara le braccia leggermente flesse in avanti con i palmi delle mani rivolte verso l’alto.

Esegue il salto a piedi uniti correttamente ma con una certa rigidità e eccessivo tono all’atterraggio con gambe divaricate; flette eccessivamente le ginocchia e tiene le mani sui fianchi.

Salta un ostacolo preparandosi allo slancio flettendo eccessivamente le ginocchia fino ad accucciarsi, ma poi la spinta elevatoria risulta minima, e talvolta si inciampa nell’ostacolo o appare titubante e insicura tanto che ricerca un appoggio o scavalca l’ostacolo con un piede e poi con l’altro.

Sul triciclo la bambina si dimostra agile e veloce nella pedalata. Dimostra un buon controllo del movimento e della direzione in quando effettua facilmente e con fluenza lo slalom tra i birilli e le inversioni.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità manuali
  • Energia e Forza (salti)
  • Abilità con la palla
  • Agilità e Flessibilità
  • Percezione Profondità
  • Coordinazione Generale
  • Coordinazione visuomotoria


Tabella 25.

 

CASO 9, DI: A.D., F

La bambina è stata presa in carico presso il centro “Il Cucciolo” dal mese di ottobre 2015 (E.C. 2 anni e 11 mesi), in merito a immaturità globale e linguistica, con sedute settimanali di neuropsicomotricità e logopedia.

Nel mese di Marzo 2016 la bambina è stata sottoposta alla valutazione dello sviluppo globale, mediante la somministrazione delle scale Griffiths, dalla quale è emerso un Quoziente Globale di 72, corrispondente ad un’età mentale di 2 anni e 4 mesi (E.C. 3 anni e 3 mesi alla valutazione).

Il profilo risulta armonico in corrispondenza di tutte le scale e al di sotto dei livelli della norma.

Grafico 17. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

 Grafico 17. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dai risultati ottenuti per quanto riguarda la scala A si nota una generale compromissione motoria, in particolare nelle aree: Agilità e Flessibilità, Coordinazione motoria generale e visuomotoria e Equilibrio. Rientrano tra le competenze emergenti i salti (Energia e Forza).

A.D

(3aa,3ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+/-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

+/-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

+/-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

-

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+/-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

-

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

+/-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+/-

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

-

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

 

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

-

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

-

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

-

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+/-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

 


Tabella 26. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Come per tutti gli altri casi sono state somministrate le ABC Movement nel mese di Maggio 2016 presso il centro, ai fini di una più completa valutazione delle abilità motorie.

Il Punteggio Globale di compromissione risulta alto (22), ma le aree maggiormente deficitarie sono le abilità manuali e l’equilibrio, mentre si può notare solo una lieve compromissione nelle abilità con la palla.

3°P

 Grafico 18. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 18. Profilo a T0, ABC Movement.

L’equilibrio statico e dinamico risultano da potenziare: A. esegue il compito della trave di equilibrio con un piede sopra di esso e con l’altro a terra, non riuscendo a mantenere l’equilibrio con un piede davanti all’altro.

Resta sulle punte dei piedi in posizione eretta ma non le mantiene nel cammino anche su istruzione verbale.

Nel salto la spinta elevatoria è minima, tanto che risulta difficile superare un ostacolo, che viene scavalcato con un piede alla volta. Gli arti superiori partecipano poco alla spinta e la flessione delle ginocchia durante la preparazione è accentuata. L’abilità risulta emergente se vengono proposti ostacoli bassi, presente eccessivo tono all’atterraggio.

Lancia una pallina con la sola mano destra in avanti, direzionandola verso l’altro, ma con scarsa precisione e modulazione della forza. Lancia una palla di medie dimensioni con la flesso-estensione del gomito, ma anche in questo caso la qualità del lancio risulta scarsa.

Nel momento della ricezione A. mantiene per un tempo sufficiente l’aggancio visivo sull’altro e questo la aiuta ad afferrare al volo più volte la palla. Il lancio effettuato dal terapista deve essere preciso affinchè A. porti a termine il compito. Riceve la palla tra gli avambracci e il petto, prepara le braccia tese in avanti su richiamo con i palmi delle mani rivolti verso l’altro, e le dita sono aperte e rigide, ma quest’abilità risulta ancora emergente, in quanto molte volte il gesto del trattenere risulta in ritardo; infatti spesso la palla colpisce il petto e cade a terra perché i movimenti delle braccia mancano di anticipazione.

Quando sale sul triciclo spontaneamente si spinge in avanti con i piedi a terra, a seguito di spiegazioni A. mette i piedi sui pedali ma non riesce ad armonizzare il movimento alternato degli arti inferiori e non riesce a procedere per mancanza di forza. Riesce a mantenere il pattern motorio per brevissime distanze a seguito di una spinta data dalla terapista per iniziare il movimento. Manca di conseguenza il controllo della direzione degli arti superiori. Spesso si guarda i piedi e manca l’attenzione visiva in avanti.

Durante l’ascolto di canzoncine dell’infanzia A. imita i gesti motori più semplici, ma solo alcuni di essi. Non passa in modo fluente da un gesto all’altro soprattutto se ravvicinati, ma mostra interesse per l’attività e si crea un gioco condiviso.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità manuali
  • Coordinazione Generale
  • Coordinazione visuomotoria
  • Agilità e Flessibilità
  • Energia e Forza (salti)
  • Abilità con la palla
  • Percezione Profondità
  •  

Tabella 27.

 

CASO 10, DI: A.A., M

Il bambino viene preso in carico presso il centro dal mese di Gennaio 2016 (E.C. 4 anni e 10 mesi), in merito ritardo globale di grado lieve. Attualmente svolge sedute di neuropsicomotricità e logopedia, una volta a settimana.

Nel mese di Maggio 2016 è stata effettuata la valutazione dello sviluppo del bambino (E.C. 5 anni e 1 mese), mediante l’utilizzo delle scale Griffiths.

Dai risultati è emerso un Quoziente di Sviluppo molto al di sotto dei livelli della norma (57), corrispondente ad un’età mentale di 2 anni e 11 mesi.

Grafico 19. Profilo a T0, GMDS-ER

Grafico 19. Profilo a T0, GMDS-ER.

Il profilo motorio emerso dal costrutto della scala A risulta globalmente deficitario, in particolare per quanto riguarda: Energia e Forza, Agilità e Flessibilità, Percezione della Profondità. Si possono definire emergenti in base all’età cronologica abilità quali Coordinazione motoria generale e visuomotoria.

A.A.

(5aa, 1 ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

-

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

+/-

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

-

Salta giù da 3 gradini

IV

+/-

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

+/-

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

+/-

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

+/-

Gioco della campana (1)

IV

+/-

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

-

Tabella 28. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita


Nel mese di Maggio 2016 il bambino è stato sottoposto a valutazione motoria per mezzo delle ABC Movement.

Ne consegue un Punteggio Globale di compromissione di 24, con una globale compromissione in tutte le aree.

1°P

 Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 20. Profilo a T0, ABC Movement.

Il bambino solitamente entra in stanza e appare molto inibito e disattento. Ha bisogno di essere guidato a seguito di istruzioni verbali che talvolta non comprende. A volte mette in atto dei comportamenti insoliti, ride molto senza motivo, si agita motoriamente, fa richieste o affermazioni fuori contesto.

Le sue competenze motorie risultano deficitarie rispetto all’età cronologica.

L’equilibrio dinamico è da potenziare: A. cammina sulla trave procedendo con uno dei due piedi a terra, solo qualche volta con un piede all’altro ma senza toccare la punta e il tacco.

Esegue il salto a piedi uniti di un ostacolo basso o in avanti nei cerchi, ma la spinta elevatoria risulta minima, è presente rigidità e un tono eccessivo all’atterraggio.

Risulta difficile anche effettuare un salto giù da un rialzo: A. tende a scendere a terra senza nessuna spinta verso l’alto e a volte dimostra un certo timore a svolgere la prova in autonomia, tanto che ricerca un aiuto e un supporto propriocettivo.

Nei giochi con la palla si può notare uno scarso controllo visivo sull’altro o su un bersaglio, che non gli consente di regolare la forza necessaria. Lancia una pallina con la mano destra verso i birilli, e una palla grande con flesso-estensione del gomito.

Durante la ricezione non mantiene in memoria le istruzioni date precedentemente al fine di prepararsi all’arrivo della palla. Ha bisogno di richiami per mantenere l’attenzione. Talvolta riesce a trattenere la palla tra mani e petto, ma non si adegua alle caratteristiche del lancio e mantiene fissa la sua posizione nello spazio, dimostrandosi molto inibito.

Sul triciclo spontaneamente procede in avanti spingendosi con i piedi a terra. Con aiuto e sollecitazione esegue 2-3 pedalate per una breve distanza, ma sono ancora presenti difficoltà ad iniziare il movimento di pedalaggio, anche per la scarsa forza investita negli arti inferiori che non gli permettono di spingere verso il basso i pedali.

Non riesce ancora a controllare i movimenti coordinati di arti inferiori (pedalaggio) e superiori (direzione del manubrio). Il controllo visivo non è investito sulla direzione ma sui movimenti dei piedi. Il piede destro risulta essere appoggiato al pedale con la punta rivolta verso l’esterno così che anche il ginocchio destro risulta extra-ruotato.

Inoltre ha bisogno di continui richiami per mantenere l’attenzione sull’attività.
Durante semplici balletti con la musica A. imita correttamente posture globali effettuate dall’adulto, anche se ha bisogno di richiami per mantenere la concentrazione.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Abilità manuali
  • Energia e Forza (salti)
  • Percezione Profondità
  • Agilità e Flessibilità
  • Abilità con la palla
  • Equilibrio
  • Coordinazione Generale
  • Coordinazione visuomotoria

 

Tabella 29.

 

CASO 11, DL: S.P., M

Il bambino giunge presso il centro dal mese di Dicembre 2014 (E.C. 3 anni), in merito a Disturbo del Linguaggio, con iperattività motoria. Svolge una seduta di neuropsicomotricità, una di logopedia e una di acquaticità alla settimana.

Nel mese di Settembre 2015 il bambino è stato sottoposto alla somministrazione delle scale Griffiths presso l’UO Neuropsichiatria Infantile dell’IRCCS G. Gaslini (E.C. 3 anni e 9 mesi al momento della valutazione).

Dal profilo sottostante emerge un andamento armonico delle sei scale indagate, con cadute maggiori nell’area Personale e Sociale e del Linguaggio, mentre ottiene un risultato discreto nell’area Motoria.

Grafico 21. Profilo a T0, GMDS-ER

Grafico 21. Profilo a T0, GMDS-ER.

Dal grafico del costrutto si evince un buon profilo motorio con delle cadute principalmente nell’Equilibrio. Le altre aree risultano acquisite e qualche item emergente per età cronologica.

S.P.

(3aa, 9 ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

 

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

 

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+/-

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

+/-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+/-

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

-

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+/-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+/-

Tabella 30. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 sono state somministrate al bambino le ABC Movement per ottenere un più preciso quadro sulle abilità motorie.

Dai risultati emerge una lieve compromissione generale (Punteggio Globale di Compromissione: 7), determinato principalmente da abilità manuali deficitarie. Le altre due aree risultano una poco compromessa e l’altra rientrante nella norma.

26°P

 Grafico 22. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 22. Profilo a T0, ABC Movement.

S. presenta una scarsa attenzione e tratti di iperattività, soprattutto durante giochi di movimento. Questo lo porta ad essere eccessivamente veloce e in certi tratti impulsivo e poco preciso nelle performance. Nonostante ciò è un bambino collaborante che rispetta le consegne date.

Il suo equilibrio dinamico risulta discreto: cammina sulla trave con un piede uno davanti all’altro e a volte riesce anche a mantenere l’equilibrio sulle punte.

Il salto a piedi uniti e il salto di un ostacolo vengono eseguiti in modo adeguato; risulta fluente nel salto dentro ai cerchi, sia a piedi uniti, sia nel salto alternato con apertura e chiusura delle gambe.

Riesce a mantenere l’equilibrio su un solo piede per pochi secondi e di conseguenza accenna qualche saltello.

Lancia la palla con più modalità: dal basso verso l’alto, dal petto in avanti o talvolta con una sola mano. SI mostra interessato al gioco, ma questa sua eccessiva eccitazione lo porta ad essere meno preciso nella direzione. Riceve la palla trattenendola tra le mani e la pancia, risulta particolarmente euforico e saltella.

Nel lancio al canestro esegue il compito con la mano destra, lanciando verso l’alto con la flesso estensione del gomito, e contemporaneamente salta. Sono presenti maggiori difficoltà nella regolazione della forza necessaria in base alla distanza.

Sul triciclo la pedalata viene eseguita con fluenza, per cui automatizzata. È stabile un buon controllo della direzione del manubrio, anche nel superare ostacoli o girare intorno ai birilli. Curva senza mettere i piedi a terra invertendo il senso di marcia e prosegue con una certa velocità in un piccolo percorso.

Ho potuto osservare il bambino anche durante delle sedute di acquaticità presso la piscina di Genova Prà “GS Aragno”. Durante queste sedute il bambino si è dimostrato collaborante e in sintonia con la terapista; persiste però una scarsa attenzione e concentrazione sui movimenti che deve mettere in atto, non mantiene in memoria una sequenza di azioni date a seguito di istruzioni verbali e prevale una scarsa inibizione e controllo delle sue azioni.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità manuali
  • Agilità e Flessibilità
  • Percezione della Profondità
  • Abilità con la palla
  • Energia e Forza
  • Coordinazione motoria generale
  • Coordinazione visuomotoria

Tabella 31.

 

CASO 12, DL: E.B., M

Il bambino viene preso in carico dal centro di riabilitazione nel mese di Febbraio 2016 (E.C. 2 anni e 9 mesi), in merito a difficoltà del linguaggio. Svolge una seduta di neuropsicomotricità alla settimana finalizzata all’aumento delle capacità attentive, e due sedute di logopedia.
Nel mese di Marzo 2015 (E.C. 1 anno e 8 mesi), è stata effettuata una valutazione del profilo di sviluppo presso l’Istituto G. Gaslini, dove è emerso il seguente profilo.

Grafico 23. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 23. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Risulta un’età di sviluppo pari a 19 mesi, con un Quoziente di sviluppo di 90 e un profilo pressochè armonico con maggiori cadute nell’area del Linguaggio.

Per quanto riguarda gli specifici costrutti E. supera correttamente tutti gli items relativi alla sua età.

Nel mese di Maggio 2016 sono state somministrate le ABC Movement, presso il Centro di Riabilitazione. La valutazione motoria ha dato un quadro globalmente compromesso, in particolare per quanto riguarda le abilità manuali e l’equilibrio.

<1°P

 Grafico 24. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 24. Profilo a T0, ABC Movement.

Spesso E. risulta particolarmente agitato, tanto che ha difficoltà a mantenere la posizione seduta a tavolino. Anche in sala d’attesa tende a correre da una parte all’altra e diventa difficile contenerlo. Nonostante ciò si dimostra collaborante e interessato ai giochi proposti.

Il bambino presenta nello specifico un quadro di disprassia a livello articolatorio, tanto che non riesce a combinare insieme i vari movimenti della bocca per la produzione dei suoni, che quindi risultano limitati.

Le sue abilità motorie sono discrete ma i risultati sono inficiati dalla sua eccessiva velocità nell’eseguire i compiti proposti, e dalla scarsa accuratezza.

Come già detto, anche il suo equilibrio dinamico è invalidato dalla sua scarsa inibizione e irrequietezza motorio: riesce a camminare sulle punte ma non lungo una linea, e inoltre dopo pochi passi inizia a correre.

Nel salto è presente la flessione delle ginocchia in preparazione allo stacco, se l’ostacolo viene percepito troppo alto non mantiene i piedi uniti ma lo scavalca prima con un piede poi con l’altro.

E. presenta maggiori difficoltà nel gioco con la palla: afferra la palla e la lancia dal basso verso l’alto, ma in ricezione non è ancora presente la presa della palla, appena gli arriva la rilancia con i palmi delle mani rivolti in alto. Per tali ragioni risulta difficile uno scambio con un compagno.

Sul triciclo si dimostra agile e fluente: ha automatizzato il movimento della pedalata e ha un buon controllo della direzione, riuscendo a eseguire lo slalom tra birilli con una buona velocità.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Abilità manuali
  • Equilibrio
  • Abilità con la palla
  • Coordinazione motoria generale
  • Energia e Forza

Tabella 32.

 

CASO 13, DL: G.R., F

La bambine viene presa in carico presso il centro dal mese di Febbraio 2016 (E.C. 4 anni e 6 mesi), in merito ad un ritardo del Linguaggio Espressivo rispetto ai livelli prassico, fonetico-fonologico, lessicale e morfo-sintattico, in un contesto di labilità attentiva. Svolge una seduta di logopedia e una di acquaticità alla settimana.
Nel mese di Giugno 2015 (3 anni e 6 mesi al momento della valutazione) G. è stata sottoposta alla valutazione dello sviluppo mediante l’utilizzo delle scale Griffiths. Si è ottenuto un’età di sviluppo globale inferiore ai 3 anni e un Quoziente globale di 61.

Grafico 25. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

 Grafico 25. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dal costrutto si può notare che sono presenti difficoltà in ognuna delle aree sottostanti, in particolare nel salto, nella coordinazione e nell’equilibrio.

G.R

(3aa, 6ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

 

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

 

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

 

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

 

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

-

Salta giù da 2 gradini

III

+/-

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

-

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

 

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

-

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+/-

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

 

Tabella 33. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Alla bambino, inoltre, è stata somministrata la batteria per la valutazione motoria ABC Movement, nel mese di Maggio 2016.

Emerge un Punteggio Globale di Compromissione pari a 21, e tutte le aree risultano deficitarie, con una minor compromissione delle abilità con la palla.

3°P

 Grafico 26. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 26. Profilo a T0, ABC Movement.

La bambina presenta modeste difficoltà attentive e di ascolto verbale, e ciò la portano a non organizzare, pianificare e concludere una sequenza di atti motori se non costantemente guidata dalla terapista.

In tutte le attività motorie presenta un ipertono degli arti e esegue le varie prove con una certa rigidità globale.

Per quanto riguarda l’equilibrio statico riesce a stare su un solo piede per pochi secondi, ha difficoltà a restare ferma col tronco e con la testa e ricerca appoggio con gli arti superiori.

Nell’equilibrio dinamico G. cammina sulla trave non mettendo in modo preciso un piede davanti all’altro, e ciò la porta spesso a inciamparsi. Per qualche passo riesce a mantenersi sulle punte.

Sia nella salita che nella discesa delle scale la bambina non alterna i piedi e ricerca un appoggio mono-manuale.

Nel salto ad ostacoli risulta assente la spinta elevatoria e lo stacco da terra con entrambi i piedi. Flette e estende le ginocchia per prepararsi al salto ma poi scavalca l’ostacolo prima con un piede e poi con l’altro, ricerca appoggio e talvolta si inciampa.

Talvolta lancia la palla con due mani dall’alto verso il basso, talvolta con una sola mano (destra) con la flesso-estensione del gomito verso l’alto. Direziona il lancio verso l’altro, ma non cura la precisione dell’atto e non regola la forza necessaria in base alla distanza. Riceve la palla con due mani tra gli avambracci e il petto; prepara le braccia tese in avanti, ma le flette con i palmi delle mani aperti e rivolti verso l’alto.

Sul triciclo sono presenti difficoltà nel cominciare la sequenza dei movimenti e alternare i piedi per la pedalata. Dopo diversi tentativi riesce a eseguire correttamente il movimento degli arti inferiori per brevi tratti. Per questi motivi è ancora difficile il contemporaneo controllo della direzione.

La bambina ha svolto anche delle sedute di acquaticità presso la piscina di Genova Prà “GS Aragno” a partire dal mese di Maggio.

La bambina ha dimostrato inizialmente una certa titubanza ad entrare in acqua, paura riportata anche dai genitori stessi. Questo ha portato a lavorare inizialmente sull’adattamento nel nuovo ambiente e sul creare un luogo favorevole e attraente. Continua a essere mal tollerato l’immersione della testa sott’acqua.

Durante le sedute successive G. dimostra una scarsa coordinazione dei movimenti, non riesce a sbattere i piedi uno dopo l’altro e si nota un’asimmetria con prevalenza di movimenti degli arti di destra.

Non sempre risulta facile collaborare con la bambina, in quanto sono presenti difficoltà di attenzione alle istruzioni verbali e uno scarso contatto visivo.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Abilità manuali
  • Coordinazione motoria generale
  • Energia e Forza
  • Abilità con la palla
  • Agilità e Flessibilità

Tabella 34.

 

CASO 14, DL: S.M., F

La bambina giunge presso il centro di riabilitazione nel mese di Aprile 2015 (E.C. 2 anni e 6 mesi), dove segue un trattamento abilitativo logopedico bisettimanale in merito a ritardo nella strutturazione del linguaggio.

Nel mese di Aprile 2016 (E.C. al momento della valutazione: 3 anni e 7 mesi) la bambina viene valutata mediante la somministrazione delle scale GMDS-ER, dalle quali emerge un Quoziente di Sviluppo pari a 83, e un’età mentale di 2 anni e 11 mesi.

Grafico 27. Profilo a T0, scale GMDS-ER

Grafico 27. Profilo a T0, scale GMDS-ER.

Dal costrutto emerge un discreto profilo motorio, con delle cadute principalmente in Equilibrio e Coordinazione motoria generale. Risulta emergente il salto (Energia e Forza).

S.M.

(3aa,6ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

+/-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

 

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

 

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

 

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

 

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

 

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

 

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

-

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

+

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

-

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

-

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+/-

Tabella 35. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

S. è stata sottoposta a valutazione motoria per mezzo delle ABC Movement, presso il Centro di Riabilitazione, nel mese di Maggio 2016.
Dal profilo emerge un’importante compromissione in tutte le aree, in particolare nell’equilibrio.

<1°P

 Grafico 28. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 28. Profilo a T0, ABC Movement.

Oltre alle difficoltà nel linguaggio S. presenta difficoltà a livello motorio.

Il suo tono risulta eccessivo in determinati compiti e prevale un ipertono generale.

L’equilibrio sia statico che dinamico risultano da potenziare in quanto S. nell’esercizio della trave accosta due piedi di cui uno a terra e uno sulla trave, solo per qualche passo riesce a posizionarli uno davanti all’altro.

La corsa risulta scoordinata e caratterizzata da eccessivo tono che la porta a sbattere i piedi a terra.

Il salto a piedi uniti in avanti nei cerchi è emergente, tende ancora a non rispettare la sequenza corretta per eseguire 4 salti uno dopo l’altro e ha bisogno di sollecitazioni. È scarsa la flessione delle ginocchia nella fase di preparazione e minima l’elevazione, tale per cui spesso colpisce i cerchi con la punta dei piedi. Invece salta a piedi uniti correttamente da un rialzo.

Lo stesso si riscontra per un salto di un ostacolo di 20 cm di altezza circa: è presente poca forza durante l’elevazione che infatti risulta minima. Durante l’atterraggio si può notare un tono eccessivo (sbatte i piedi a terra) e ha bisogno di aiuto per programmare la serie di atti motori.

Lancia la palla dal basso verso l’alto con entrambe le mani direzionandola verso l’altro, ma non sempre in modo preciso o con la giusta regolazione della forza. Nella ricezione prepara le braccia tese in avanti ma non vicine tra loro, e riceve la palla trattenendola tra petto e avambracci se le viene lanciata da una breve distanza e in modo preciso.

Calcia la palla sia da ferma che in movimento con il piede sinistro, ma non controlla la direzione e la forza (che risulta eccessiva). Ferma la palla con le mani quando le viene restituita.

Sul triciclo appare impacciata: inizialmente sono evidenti delle difficoltà a comprendere la giusta sequenza di atti motori. Lo sguardo è totalmente impegnato nel controllo degli arti inferiori, tanto che manca la coordinazione con gli arti superiori per mantenere la giusta direzione.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Equilibrio
  • Coordinazione motoria generale
  • Abilità manuali
  • Energia e Forza (salti)
  • Agilità e Flessibilità
  • Coordinazione visuomotoria

Tabella 36.

 

CASO 15, DL: I.P, F

La bambina giunge presso il centro nel mese di ottobre 2014 (E.C. 3 anni e 2 mesi), in merito ad accertamenti dei processi linguistici. I. svolge un trattamento di logopedia alla settimana.

Nel mese di Marzo 2016 alla bambina sono state somministrate le scale Griffiths per la valutazione dello sviluppo globale (E.C 4 anni e 6 mesi al momento della valutazione).

I risultati forniscono un Quoziente Globale di Sviluppo di 92 e un’età mentale di 4 anni e un mese e il profilo si presenta armonico in tutte le aree indagate.

Grafico 29. Profilo a T0, Scale GMDS-ER

Grafico 29. Profilo a T0, Scale GMDS-ER.

Dai risultati si nota un buon punteggio ottenuto nella scala A, ma dal costrutto si può notare nello specifico una maggior compromissione principalmente nel salto (Energia e Forza), mentre le altre aree risultano meno deficitarie.

I.P

(4aa,6ms)

ITEM

SEZ.

 

1.Energia e forza

Salta un ostacolo di gomma piuma alto 15 cm

III

-

Salta un ostacolo di gommapiuma alto 25 cm

IV

 

Salta in lungo per 37.5 cm oltre blocchi di gommapiuma

III

-

Salta a mo’ di canguro 3 blocchi di gommapiuma

III

-

2.Agilità e flessibilità

Corre velocemente in casa o in un piccolo spazio all’esterno

III

+

Corre velocemente in spazi all’aperto

III

+

Corre con andatura spedita in spazi ampi

IV

 

Da seduto da incrociare entrambi i piedi ed entrambe le ginocchia

III

+

Si tocca le punte dei piedi senza piegare le ginocchia

III

-

3.Percezione della profondità

Salta giù da 1 gradino

III

+

Salta giù da 2 gradini

III

+

Salta giù da 3 gradini

IV

+/-

Salta giù da 4 gradini

IV

 

Sale le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Sale le scale di corsa

IV

-

Scende le scale – un piede per gradino – come un adulto

III

+

Scende le scale di corsa

IV

 

4.Coordinazione motoria generale

Marcia a ritmo di un tamburello

IV

 

Salta la corda: almeno 3 saltelli singoli

IV

 

Salta la corda velocemente: 12 saltelli o più

IV

 

Salta bene la corda: 12 o più saltelli a piedi pari

IV

 

Sa pedalare (un triciclo o altro gioco a pedali)

III

+

Sa andare in bicicletta (senza rotelle)

IV

 

Sa andare in bicicletta (senza rotelle) dimostrando una certa abilità

IV

 

Saltella alternando i piedi

IV

 

Saltella alternando i piedi per un buon tratto in uno spazio aperto

IV

 

5.Coordinazione visuomotoria

Corre verso una palla di media grandezza e la calcia senza fermarsi

III

-

Fa rimbalzare una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

+/-

Lancia in aria una pallina da tennis e l’afferra al volo

IV

 

Gioco della campana (1)

IV

 

Gioco della campana (2)

IV

 

Gioco della campana (3)

IV

 

6.Equilibrio

Equilibrio statico (1): riesce a stare su un solo piede per almeno 3 secondi

III

+

Equilibrio statico (2): riesce a stare su un solo piede per almeno 20 secondi

IV

 

È capace di alzarsi da inginocchiato senza l’aiuto delle mani

III

+

È capace di stare sulle punte dei piedi e camminare così per almeno 6 passi

III

+

Cammina lungo una linea tracciata per almeno 1,2 m

III

+

Saltella su un solo piede: almeno 3 saltelli

III

+

Tabella 37. GMDS-ER, Scala A: Profilo prestazionale ai differenti costrutti.

colore rossoCapacità acquisita

colore gialloCapacità emergente

colore verdeCapacità non acquisita

Nel mese di Maggio 2016 sono state somministrate le ABC Movement per la valutazione motoria. Dai risultati emerge una lieve compromissione generale, e un punteggio globale di 3.

56°P

 Grafico 30. Profilo a T0, ABC Movement

Grafico 30. Profilo a T0, ABC Movement.

In tutte le attività motorie, sia fini che globali, I. presenta una certa rigidità e i movimenti sono poco armoniosi e fluenti dal punto di vista qualitativo, anche se i risultati delle prove sono in linea con l’età. Inoltre dimostra essere una bambina collaborante, comprende le consegne date e esegue i compiti con una buona attenzione e partecipazione.

Si nota una generale ipertonia degli arti superiori e una scarsa dissociazione dei distretti, rigide le articolazioni di spalla-gomito-polso, movimenti a scatti e irrequieti.
Cammina lungo una linea con un piede davanti all’altro, ma entrambi risultano intraruotati, come anche le ginocchia (che infatti si toccano durante i passi). Il tronco oscilla ampiamente, gli arti sono rigidi ma cerca di mantenere l’equilibrio compensando eccessivamente con il movimento degli arti superiori e con una buona attenzione al compito.

La camminata sulle punte non è fluente, solleva leggermente i talloni da terra.

Salta un ostacolo a piedi uniti e atterra con tutta la pianta del piede con eccessivo tono; si prepara al salto concentrandosi sulla flessione delle ginocchia e si possono notare dei tremori associati e una certa rigidità.

Lancia la palla con la flesso-estensione del gomito verso l’altro. Nella ricezione gli arti risultano rigidi e tesi e i movimenti poco fluidi, ma riesce a trattenere la palla tra le mani e il petto se la palla viene lanciata in modo preciso. Instaura una buona relazione con l’altro e lo scambio diventa un gioco condiviso che le piace.

Sul triciclo esegue la corretta sequenza motoria della pedalata, controlla grossolanamente la direzione.

PUNTI DEBOLI

PUNTI EMERGENTI

PUNTI FORTI

  • Energia e Forza (salti)
  • Equilibrio
  • Coordinazione visuomotoria
  • Percezione e Profondità
  • Agilità e Flessibilità
  • Coordinazione motoria generale
  • Abilità con la palla
  • Abilità manuali

Tabella 38.

 

Discussione dei risultati a T0, Obiettivi e metodologia di intervento

La tabella riporta i risultati ottenuti dalla somministrazione delle “ABC Movement” nel mese di Maggio (valutazione T0), sia nelle singole aree sia nel Punteggio Globale di Compromissione.

Tabella 39: risultati ottenuti dal test “ABC Movement” somministrato nel mese di Maggio (valutazione T0) di tutti i soggetti suddivisi per patologia:

 

Bb.

ABILITÀ

MANUALE

P. grezzo

%ile

ABILITÀ CON

LA PALLA

P.grezzo

%ile

EQUILIBRIO

P.grezzo

%ile

P. GLOBALE COMPROMISSIONE

P.grezzo

%ile

E.M

6,5

15

1

>15

8,5

>5 <15

16

6

D.L

10,5

<5*

3

15

13

<5

26,5

<1*

S.D

13

<5*

10

<5*

13,5

<5

36,5

<1*

G.D

6,5

15

5

>5 <15

2,5

>15

14

9

S.O

9

>5 <15

3

15

9

5*

21

3*

ASD (punt. grezzo

medio)

 

9,1

 

>5 <15

4,4

>5 <15

9,3

<5

22,8

<1*

S.S

9,5

5

3

15

9,5

<5*

22

3*

B.L

14,5

<5*

4

>5 <15

8,5

>5 <15

27

<1*

S.G

10,5

<5*

3

15

6,5

>5 <15

20

4*

A.D.

9,5

5

1

>15

11,5

<5*

22

3*

A.A.

8,5

>5 <15

3

15

12,5

<5*

24

1*

DI (punt. grezzo medio)

10,5

<5*

2,8

>5 <15

9,7

<5*

23

<1*

S.P.

5,5

>15

0

>15

1,5

>15

7

26

E.B

11,5

<5*

5

>5 <15

11,5

<5*

28

<1*

G.R

8,5

>5 <15

3

15

9,5

<5*

21

3*

S.M

12,5

<5*

4

>5 <15

14,5

<5*

31

<1*

I.P

0,5

>15

0

>15

2,5

>15

3

56

DSL (punt. grezzo medio

7,7

>5 <15

2,4

>15

7,9

>5 <15

18

5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Disturbo dello Spettro dell'Autismo (ASD) Disturbo dello Spettro dell'Autismo (ASD)

Disabilità Intellettiva (DI) Disabilità Intellettiva (DI)

Disturbo Specifico del Linguaggio (DSL) Disturbo Specifico del Linguaggio (DSL)


I riferimenti normativi sono:

  • punteggio deficitario<5° percentile*
  • punteggio borderline> 5°< 15°
  • punteggio nei valori della norma> 15°

Dall’analisi dei risultati della valutazione T0 si può notare una notevole compromissione delle abilità di motricità globale soprattutto nei bambini con Disturbi dello Spettro dell’Autismo e nei bambini con Disabilità Intellettiva, mentre risulta più disarmonico il risultato ottenuto tra i bambini con Disturbo del Linguaggio nei quali in alcuni risulta una lieve compromissione, in altri moderata.

Prendendo in considerazione i risultati ottenuti nelle tre patologie prese in esame si può osservare che:

  • Nei bambini con diagnosi di Disturbo dello Spettro dell’Autismo le “abilità manuali” e “l’equilibrio” risultano maggiormente compromessi (vedi Grafico 31) con un punteggio di compromissione nella media rispettivamente di 9,1 e 9,3. Le “abilità con la palla” risultano meno compromesse (punteggio medio di compromissione di 4,4), ma restano comunque un’attività da prendere in considerazione e da migliorare durante il trattamento riabilitativo.
    Si è ottenuto un Punteggio di Compromissione medio di 22,8.

 Grafico 31. Risultati ABC Movement, SDA, T0

Grafico 31. Risultati ABC Movement, SDA, T0

Grafico 32. Risultati dei percentili ottenuti in T0, ASD

Grafico 32. Risultati dei percentili ottenuti in T0, ASD.

Nel Grafico 32 sono riportati i risultati percentili ottenuti dai singoli Punteggi Globali di Compromissione di ogni soggetto con Disturbo dello Spettro Autistico tramite una tabella di conversione.

Si ricorda che i punteggi ottenuti fanno riferimento alla compromissione, quindi nel grafico i punteggi percentili bassi sono stati ottenuti da Punteggi Globali di

Compromissione alti facenti riferimento a performance basse.

Considerando che a punteggi percentili minori di 5 corrispondono alti Punteggi di Compromissione e quindi inferiori alla norma e che a punteggi percentili compresi tra 5 e 15 ci si riferisce a una condizione borderline di rischio, tutti i risultati ottenuti nei soggetti con Disturbo dello Spettro Autistico rientrano al di sotto della norma.

  • Come si può notare dal Grafico finale i punteggi medi ottenuti nei bambini con Disabilità Intellettiva sono perlopiù sovrapponibili con la precedente casistica.

Grafico 33. Risultati ABC Movement, DI, T0

Grafico 33. Risultati ABC Movement, DI, T0.

Il Punteggio Globale di Compromissione medio è 23, di cui risultano maggiormente compromesse le “abilità manuali” e “l’equilibrio”. Dalla somministrazione del test si evince una lieve compromissione (2,8) delle “abilità con la palla”, anche se dall’osservazione e dal trattamento effettuato con tali bambini emerge essere una competenza carente e quindi da potenziare.

Il Grafico 34 mette in luce i punteggi percentili ottenuti per quanto riguarda la casistica dei soggetti con Disabilità Intellettiva. Essi rientrano tutti al di sotto del 5° percentile, quindi corrispondono ad un punteggio alto di compromissione e dunque ad una bassa performance inferiore ai livelli della norma presi come riferimento.

Grafico 34. Risultati dei percentili ottenuti in T0, DI

Grafico 34. Risultati dei percentili ottenuti in T0, DI.

Il punteggio medio ottenuto nei bambini con Disturbo del Linguaggio risulta minore dei precedenti (18), e anche le singole abilità sono meno compromesse. Ma come si può notare analizzando i punteggi dei singoli soggetti emergono delle disarmonie (Grafico 35). Alcuni bambini presentano delle competenze motorie vicine alla norma con un punteggio 0 o che si avvicina allo 0. Altri presentano dei punteggi di compromissione molto alti.

Grafico 35. Risultati ABC Movement, DL, T0

Grafico 35. Risultati ABC Movement, DL, T0.

In particolare le “abilità manuali” e “l’equilibrio” sono le due aree in cui si nota una maggiore difficoltà a livello quantitativo, mentre nella “abilità con la palla” due soggetti su 5 hanno ottenuto un punteggio 0, quindi esattamente sovrapponibili con i livelli considerati nella norma.

Grafico 36. Risultati dei percentili ottenuti in T0, DL

Grafico 36. Risultati dei percentili ottenuti in T0, DL.

Il Grafico 36 illustra i risultati ottenuti per quanto riguarda i percentili dei 5 soggetti con Disturbo del Linguaggio. Al contrario delle considerazioni fatte sui due precedenti disturbi studiati, in questo caso si possono notare dei soggetti con un alto punteggio percentile, corrispondenti ad un basso livello di Compromissione Motoria e altri soggetti con un punteggio molto basso indicante delle basse prestazioni motorie.

Inoltre anche tra i bambini meno compromessi dal punto di vista quantitativo emergono ugualmente delle difficoltà dal punto di vista qualitativo. I movimenti messi in atto durante le singole prove, dunque, non risultano puliti, armonici e fluenti. Emerge una scarsa regolazione tonica (in alcuni bambini emerge una componente ipertonica, in altri ipotonica), oppure vengono messi in atto molti compensi per la buona riuscita della prova.

Grafico 36. Risultati dei percentili ottenuti in T0, DL

Grafico 37. Confronto dei Punteggi di compromissione MEDI (ASD, DI, DL) in T0.

Nonostante le differenze presenti dal punto di vista qualitativo, i punteggi delle tre abilità indagate con il test ABC Movement e il Punteggio Globale di Compromissione medio sono pressochè sovrapponibili per tutte le tre patologie studiate, in quanto le tre curve ottenute dal Grafico 37 seguono il medesimo andamento.

 

Indice

 
 
PREMESSA, ABSTRACT E INTRODUZIONE
 
  1. Lo sviluppo motorio dai 3 ai 6 anni: Coordinazioni Cinetiche Semplici; Coordinazioni Cinetiche Complesse; Coordinazioni Oculo-Motorie; Coordinazioni Oculo-Manuali.
  2. Test per la Valutazione Motoria: BAYLEY-III (Bayley Scales Of Infant And Toddler Development - Third Edition); GMDS–ER (Griffiths Mental Developmental Scales); M-ABC (Movement Assessment Battery for Children); BOT-2 (Bruininks-Oseretzky Test of Motor Proficiency, Second Edition); APCM – 2 (Abilità prassiche e della Coordinazione Motoria, 2° Edizione); TGMD–2 (Test of Gross Motor Development–Second Edition); GOAL (Goal-Oriented Assessment of Lifeskills); SCALA METRICA DI OSERETZKY E GUILMAN; PDMS-2 (Peabody Developmental Motor Scales, Second Edition)
  3. Profili di Sviluppo Motorio nello Sviluppo Atipico: Disturbi dello Spettro dell’Autismo; Disabilità Intellettiva; Disturbo specifico del Linguaggio.
  4. Descrizione del lavoro e Casistica: Materiale e metodo di valutazione; Risultati ottenuti alla valutazione a T0; Discussione dei risultati a T0, obiettivi e metodologia di intervento;
    1. Trattamento neuropsicomotorio: Introduzione: Trattamenti individuali o in piccolo gruppo, Coordinazione generale, Ritmo, corsa, inibizione e controllo, Equilibrio, Coordinazioni oculo-manuali; Psicomotricità in acqua; Trattamento estivo intensivo; Risultati alla rivalutazione a T1 e confronto con T0.
 
CONCLUSIONI
 
BIBLIOGRAFIA
 

Tesi di Laurea di: Chiara MONDINI