Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Bibliografia

  • Asperger H., Bizzarri, isolati e intelligenti, a cura di Nardocci F., Erickson, Trento, 2003;
  • Aucouturier B.  “Il metodo Aucouturier. Fantasmi d’azione e Pratica Psicomotoria”; trad. it. di Giovanardi F., Milano, Franco Angeli, 2005;
  • Aucouturier B., Darrault I., Empinet J.L., “La pratique psychomotrice. Reéducation et thérapie”; Paris, Doin Editeur, 1984 Trad. it. di V.Fresco (2002), “La pratica psicomotoria.Rieducazione e terapia”; Roma, Armando;
  • Baron-Cohen S. (1985), cap. “I precursori della Teoria della mente: comprendere l’attenzione negli altri”, in Campioni L.(1998) “La Teoria della mente. Origini, sviluppo e patologia”; Bari, Laterza;
  • Bernabei P., Camaioni L., Levi G. (1998), “An evaluation of early development in children with autism and pervasive developmental disorders from home movies: preliminary findings”; Autism, ;
  • Bernabei P., Paolesse C., Mattivi G., Levi G. “Comorbilità tra autismo e ritardo mentale: problemi clinici” -1996;
  • Camaioni L.  “L’infanzia”; Bologna, il Mulino. 1997;
  • Camaioni L., Aureli T., Peruchini P. , cap. “Lo sviluppo sociale e interpersonale” in “Osservare e valutare il comportamento infantile”; Bologna, Il Mulino. 2004;
  • Camaioni L., Di Blasio P., “Psicologia dello sviluppo”; Bologna, Il Mulino. 2002;
  • Choen D.J., Volkmar F.R. , “Handbook of autism and pervasive developmental disorders”; Inc, John Wiley & Sons. Trad. it. di Colombi C., Dal Col L., Golzi M. Guglielmetti S., 1997;
  • Cottini L., Il bambino autistico a scuola: quale integrazione?, Psicologia e Scuola, 2002;
  •  De Sanctis S., Sopra alcune varietà della demenza precoce, Rivista sperimentale Freniat  1906;
  • Diomede L., Ferretti L., Chiappa M., Giovannone F.  “La Terapia Interattiva nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo”, in “Logopedia in età evolutiva: percorsi di valutazione ed esperienze riabilitative”; Lucca, Edizioni Del Cerro - 2003;
  • Folstein S., Rutter M. , “Infantile Autism: a genetic study of 21 twin pairs”; Journal of Child Psychology and Psychiatry, 1977;
  • Fombonne E., Du Mazaubrun C., Cans H., Grandjean H., “Autism and associated medical disorders in a large French epidemiological sample”; Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 1997;
  • Frith U., Autism: Explaining the Enigma, Blackwell, Oxford, 1989;
  • Frith U., L’autismo. Spiegazione di un enigma, Laterza, Roma-Bari, 1996;
  • Garfin, D., & Lord, C. , “Communication as a social problem in autism”; In E. Schopler & G. Mesibov (Eds.). “Social behavior in Autism”,  New York, Plenum Press. 1986;
  • Happé, Francesca G.. Autism: an introduction to psychological theory. London: UCL Press/Psychology Press 1994;
  • Harris P. L., Gross D., “Children’s understanding ofreal and apparent emotion”; In Astington J. W., Harris P. L., Olson D. R., “Developing theories of mind” ; Cambridge University Press, Cambridge, Massachusetts, 1988;
  • Kanner K., Autistic Disturbance of Affective Contact, Nervous Child, , 1943;
  • Kanner L., Psichiatria infantile, Piccin, Padova, 1979;
  • Klein M., La psicoterapia della psicosi, Boringhieri, Torino, 1930;
  • Levi G., Bernabei P., Caffo E., Mazzoncini B., Militerni B.,Tancredi R., Veneselli E. , “Linee guida per l’Autismo”;Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, 2000;
  • Levi G., Bernabei P., Frolli A., Grittani S., Mazzoncini B.,Militerni R., Nardocci F. , “Linea guida per l’Autismo”;Giornale di Neuropsichiatria dell’Età Evolutiva, 2005;
  • Militerni Roberto, Carmela Bravaccio, Anna Di   Dona, Alessandro Frolli, Guido Militerni, studio condotto dal Servizio di Neuropsichiatria infantile della IIa Università degli Studi di Napoli, 2005;
  • Militerni Roberto Neuropsichiatria infantile – III ed. Idelson-Gnocchi – Napoli 2006;
  • Prizant B., “Brief Report: Communication, Language, Social and Emotional Development”; Journal of Autism and Developmental Disorders, 1996;
  • Ritvo Edward R. , Eva C. Ritvo and Anne Mason Brothers Genetic and immunohematologic factors in autism Journal of Autism and Developmental Disorders, 1982;
  • Rutter M., Schopler E., Autism: a reappraisal of concepts and treatment, Plenum Press, New York,1978;
  • Schopler E, Reichler RJ, DeVellis RF, Daly K. Toward objective classification of childhood autism: Childhood autism rating scale, 1980;
  • Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (SINPIA) - Le summenzionate citazioni fanno parte delle Linee Guida per l’Autismo – Raccomandazioni tecniche-operative per i servizi di neuropsichiatria dell’età evolutiva, , versione 2005;
  • Stern D.N. (1985), “ The Interpersonal World of the Infant”; New York, Basic Books. Trad. it. di Biocca A., Biocca L. M. , “Il mondo interpersonale del bambino”; Torino, Bollati Boringhieri. 1998;
  • Surian L., “L’autismo”; Bologna, Mulino 2005;
  • Wing L., “Language, social and cognitive impairments in autism and severe mental retardation”; Journal of Autism and Developmental Disorders, 1981;
  • Wing L., Gould J., “Severe impairments of social interaction and associated abnormalities in children: epidemiology and classification”; Journal of autism and childhood schizophrenia, 1979;
  • Zappella M., “Autismo Infantile: studi sull’affettività e le emozioni”; Urbino, La Nuova Italia Scientifica -1996;
  • Zappella M., Autismo Infantile, Nis, Roma, 1996;
  • Wille Anne-Marie, Un bambino di poche parole. Terapia psicomotoria ed autismo, Marrapese 1994;

 

Elementi tratti da:

  • “il Giornale di Neuropsichiatria dell’Età evolutiva!”.
  • “convegno di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto presso lo SODC in Ariano Irpino il 23 maggio 2008 avente oggetto: “eri solo un piccolo punto in un piccolo bambino – prevenzione e diagnosi precoce nella cura del disturbo mentale”.
  • “convegno di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto da “ANEMOS” in Avellino il 19 dicembre 2008 avente oggetto: “come leggere i segnali di allarme in età evolutiva”.
  • “convegno di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto in Caserta il 27-28 marzo 2009 avente oggetto: “funzioni cognitive e disabilità”.
  • “convegno internazionale di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto in Napoli il 21-22 maggio 2010 organizzato dall’AISMI avente oggetto: “intersoggettività e regolazione emotiva nello sviluppo infantile a rischio”.
  • “convegno di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto in Avellino il 11-12 giugno 2010 avente oggetto: “ disturbi specifici dell’apprendimento”.
  • “convegno di formazione per operatori in Terapia della Neuro Psicomotricità dell’Età Evolutiva” tenuto in Napoli il 30 luglio 2010 avente oggetto: “ disturbi dello spettro artistico: dalla diagnosi al trattamento”.

 

Sitografia

 

 

Indice

 
 
INTRODUZIONE
 

Capitolo I. Disturbi generalizzati dello sviluppo 

  1. Disturbi Generalizzati dello Sviluppo (DGS)
  2. Definizione e caratteristiche cliniche
  3. Eziologia
  4. Modelli interpretativi
  5. Epidemiologia
  6. Funzionamento cognitivo
  7. Diagnosi differenziale
  8. Prognosi

Capitolo II. Sintomi sociali e sintomi non sociali

  1. Caratteristiche
  2. Modelli interpretativi specifici
  3. Evoluzione nel tempo

Capitolo III. Approcci terapeutici 

  1. Presa in carico: Proposte Terapeutiche 
    1. Approcci riabilitativi di tipo comportamentale
      1. Il metodo Aba
      2. Il metodo Teacch
    2. Approcci riabilitativi di tipo evolutivo
      1. Intervento di sviluppo relazionale
      2. La Terapia Psicomotoria
      3. La terapia di attivazione emotiva e di reciprocità corporea
      4. La Terapia sensomotoria
    3. Strategie per la Comunicazione      
      1. Caa (Comunicazione Aumentativa Alternativa)
      2. La comunicazione facilitata
      3. Il metodo Pecs
    4. Approccio  Farmacologico e Dietetico

Capitolo IV. Approccio “specifico” ai disturbi non Sociali

  1. Autismo a basso funzionamento
  2. Autismo ad alto funzionamento
 
CONCLUSIONI
 
BIBLIOGRAFIA e SITOGRAFIA
 
 
Tesi di Laurea di: Cristiana PACILIO