Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
  • Moro M.R. (2002), "Bambini di qui venuti da altrove. Saggio di transcultura". Milano, F. Angeli.
  • Aucouturier B. (2005), "Il metodo Acouturier. Fantasmi d'azione e Pratica Psicomotoria". Milano, F. Angeli.
  • Bruner J. (1993), "La mente a più dimensioni". Roma – Bari, Laterza.
  • Devereux G. (1978), "Saggi di etnopsichiatria generale", Roma, Armando.
  • Le Boulch J. (2004), "Lo sviluppo psicomotorio della nascita a 6 anni". Roma, Armando.
  • Lapierre A., Aucouturier B. (1982), "Il corpo e l'inconscio in educazione e terapia". Roma, Armando.
  • Gardner H. (1997), "Formae Mentis. Saggio sulla pluralità dell'intelligenza". Milano, Fletrinelli.
  • Nathan T. (1996), "Princìpi di etnopsicanalisi". Torino, Bollati Boringhieri.
  • Baubet T., Moro M.R. (2010), "Psicopatologia transculturale. Dall'infanzia all'età adulta". Roma, KOINE – Centro Interdisciplinare di Psicologia e Scienze dell'Educazione.
  • Stern D.N. (1985), "Il mondo interpersonale del bambino". Torino, Bollati Beringhieri.
  • Moro M.R. (2002), "Genitori in esilio. Psicopatologia immigrazioni". Milano, Cortina R.
  • Freud S. (1929), "Il disagio della civiltà". Torino, Boringhieri.
  • Bowlby J. (1982), "Attaccamento e perdita, vol.1: L'attaccamento alla madre". Torino, Boringhieri.
  • Inghilleri P. (2009), "Psicologia culturale". Milano, Raffaello Cortina Editore.
  • Gibello B. (1988), "Contenants de penseé, contenants culturels. La dimension créative de l'échec scolaire". Grenoble, La Pensée sauvage.
  • Tomkiewicz S. et Manciaux M. (1987), "La vulnérabilité". Parigi, Dion.
  • Freud A. (1982), "L'enfant dans sa famille. L'enfant vulnérable". Parigi, PUF.
  • Winnicott D.W. (1982), "Il bambino e la famiglia". Firenze, Giunti e Berbera.
  • Schnapper D. (1991), "La France de l'intégration. Sociologie de la nation en 1990". Parigi, Gallimard.
  • Cristaldi M. (2008), "La ricerca in psicomotricità interculturale". Catania, Cooperativa Universitaria Editrice Catanese di Magistero.
  • WHO (World Health Organization), (2000) "ICD-10 International Cassification of Diseases". Ginevra. Disponibile a: apps.who.int/classifications/icd10/browse/2010 (Ultima consultazione 09/08/2013).
  • Disponibile a: http://www.tuttitalia.it/lombardia/statistiche/cittadini-stranieri-2011/(Ultima consultazione 09/09/2013)

 

Indice

 
RIASSUNTO
 
PREMESSA

 

CAPITOLO 1: Storia e basi teoriche della "Clinica Transculturale"Il fenomeno della globalizzazione culturale; Storia e principi della Psicomotricità - La pratica psicomotoria incontra la Psichiatria transculturale; George Devereux: principi e nascita della Psichiatria transculturale - Inconscio della personalità etnica & Inconscio idiosincratico - L'influenza dell'osservatore sull'oggetto osservato & il principio di complementarità - Il complementarismo; Tobie Nathan e l'Etnopsicoanalisi - La psicoanalisi e le teorie intermedie - I saperi tradizionali come scienze esatte - I meccanismi terapeutici; Marie Moro e il ritorno alla Psicanalisi Freudiana - Le ipotesi di fondo - I Principi della Clinica Transculturale - Il dispositivo di cura.

CAPITOLO 2: Approcci terapeutici e sviluppo del bambino stranieroVerso un dispositivo di metissage e cosmopolita - Approccio Psicoanalitico di Acouturier e Lapierre - I contributi di Jerome Bruner e Howard Gardner; I genitori e il trauma migratorio - Figli di immigrati ed il meticciato - La costruzione di una propria identità in situazioni di metissage - Neonati e bambini di qui - Vulnerabilità nello sviluppo dell'infanzia, Presentare il mondo, Pensare il mondo; Il bambino esposto - Competenza, resilienza e creatività - La cultura dall'interno - L'essere, il senso, il fare.

CAPITOLO 3: Il caso clinico di G.Presentazione del caso clinico; Storia personale di G, Aspetti socio culturali salienti; La presa in carico - Valutazione psicomotoria - Diagnosi e stesura del progetto riabilitativo - Presa in carico e sviluppi terapeutici; Modificazione della terapia e del progetto - La questione del “segreto” - L'importanza della “storia” - Un innovativo esperimento terapeutico; Risultati, sviluppo e progressione della terapia.

CAPITOLO 4: Contenuti della ricerca; 

  • Materiali e metodi(1); Costruzione e progettazione del questionario - Da quanti anni svolge tale professione - Numero di pazienti attualmente in carico - Con quali patologie lavora prevalentemente - Elencare il numero di pazienti stranieri - Elenco di nazionalità e il numero di soggetti immigrati in terapia - Quali patologie presentano maggiormente i pazienti stranieri - Con quale tipo di utenza riscontra maggiori difficoltà - Quali fattori influenzano maggiormente la terapia. Casistica(1)Rilevamento dati - Anni di lavoro nell'ambito della riabilitazione psicomotoria - Numero di pazienti in carico - Quadro patologico generale - Numero di pazienti stranieri in carico - Nazionalità e numero corrispondente di pazienti - Quadro patologico nell'utenza straniera - Con quali pazienti trova maggiori difficoltà - Quali sono i fattori che influenzano maggiormente la terapia.
  • Materiali e metodi(2); Presentazione di un servizio di NPI aderente al “Progetto Migranti”; Griglia di rilevamento dati dei genitori e bambini immigrati - Paese di provenienza dei genitori del bambino - Diagnosi del paziente straniero (ICD – 10). Casistica(2); Rilevamento dei dati; Dati relativi all'anno 2011 - Paese di provenienza dei genitori del paziente straniero - Diagnosi del paziente straniero tramite classificazione ICD – 10; Dati relativi all'anno 2012 - Paese di provenienza dei genitori del paziente straniero - Diagnosi del paziente straniero tramite classificazione ICD; Dati relativi da Gennaio a Maggio 2013 - Paese di provenienza dei genitori del paziente straniero - Diagnosi del paziente straniero tramite classificazione ICD – 10; Sintesi della rilevazione dei dati - Paesi di provenienza dei genitori del bambino straniero - Diagnosi del paziente straniero tramite classificazione ICD – 10 87
  • Materilai e metodi(3)La griglia anamnestica per la rilevazione. Casistica(3)Numero totale di  pazienti stranieri presenti nei Servizi di NPI; Altri dati interessanti

CAPITOLO 5: DiscussioniDiscussioni e riflessioni sui dati dei questionari Neuropsicomotori - Esperienza lavorativa & difficoltà terapeutiche con pazienti stranieri - Confronto tra flussi migratori ed accesso a servizi di NPI in Lombardia - I due quadri patologici a confronto - Parametri che influenzano la terapia; Discussione sulla casistica della UONPIA in via Aldini - Le due utenza a confronto - Confronto tra i due quadri patologici; Discussioni su Servizi di NPI partecipanti al “Progetto Migranti” - Servizi di Neuropsichiatria Infantile a confronto. 

CAPITOLO 6: CONCLUSIONIIl “Progetto Migranti” come risposta ai bisogni della nuova utenza; “Progetto Migranti”: Migrazione e disagio psichico in età evolutiva - Perchè è nato il “Progetto Migranti” - Principali obiettivi del “Progetto Migranti” - Il lavoro di rete - Formazione degli operatori, Servizi inclusivi e di comunità, Wrap Around, La Clinica Transculturale - Il ruolo dell'Equipe multidisciplinare - Primi risultati relativi al “Progetto Migranti”; Alcuni spunti per possibili ricerche future; L'utenza straniera e le nuove prospettive in ambito Neuropsicomotorio

 

 ALLEGATI

 BIBLIOGRAFIA
 

Tesi di Laurea di: Livio Giuseppe CAIANIELLO