Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

"Il gioco è la cultura dei bambini, reale e sociale "

Appagati i bisogni fisiologici e di sicurezza, l’uomo sente l’esigenza di altre persone, di amici, di colleghi, di individui da amare e che lo amino, sente il bisogno di un posto nel suo gruppo o nella sua famiglia. Il numero dei gruppi dei quali un individuo fa parte ci dà la misura del suo bisogno di relazionarsi. Anche se a volte desideriamo rimanere isolati, dopo un po’ siamo già alla ricerca degli altri, di un gruppo.

Nell’ambito di esso possiamo esercitare funzioni che è impossibile svolgere da soli: dal commercio, alla difesa contro i nemici, alla divisione del lavoro, al gioco. Inoltre, facendo parte di un gruppo, la vita è generalmente più facile e più sicura.

Da varie indagini, si attesta che l’uomo è spinto ad unirsi agli altri perché attraverso il gruppo va alla ricerca di sé; soddisfacendo i bisogni di affetto, stima e realizzazione personale. Il sentimento che unisce i membri di una comunità è la fiducia reciproca, cioè una completa apertura nei confronti dell’altro, una capacità di parlare liberamente del proprio sé più intimo senza corazza.

Dopo aver creato questo contenitore, pregnante di affetti l’individuo cerca di appagare i suoi bisogni di stima, suddivisa in stima da parte degli altri e quella che egli stesso ha di sé o auto-stima. Secondo Maslow, comunque, “l’autostima più stabile e giusta è quella che si basa su una considerazione da parte degli altri che sia meritata, non su una fama esteriore e su un’ adulazione ingiustificata”. Da un lato cioè, col bisogno di stima da parte degli altri, tendiamo alla reputazione o al prestigio, a una posizione sociale, alla fama, all’autorevolezza, alla dignità. Dall’altro lato, col bisogno di auto-stima tendiamo a sentirci forti, brillanti, indipendenti. La soddisfazione di ciò ci fa sentire sicuri di noi e delle nostre capacità. Infine, ecco il bisogno di avere una vita significativa cioè di sentirsi occupata a fare quanto si è adatti a fare. A questo proposito, Maslow scriveva: “Ciò che uno può essere, deve essere: L’uomo deve essere come la sua natura lo vuole”. Ecco il bisogno di realizzarsi personale, che assume forme diverse da persona a persona. In conclusione, il gruppo è uno strumento che ogni individuo utilizza per realizzarsi, identificarsi e percepirsi unità piacete all’interno della sua comunità sociale.

L' uomo: