Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Fino a pochi anni fa l'espletamento del parto veniva identificato come causa principale della maggior parte della PCI. Oggi l'azione di tali fattori è stata notevolmente ridimensionata dalle nuove conoscenze, che, sulla base delle complesse interazioni tra le varie componenti dello sviluppo del SNC, inducono a valorizzare maggiormente gli eventi, chiari o presunti, potenzialmente patogeni, che accadono nel corso della gestazione.

Pochi neonati con segni d'asfissia vanno incontro a danno cerebrale, mentre molti bambini con una varietà di quadri di PCI sembrano aver superato il travaglio di parto senza incidenti. Questo starebbe ad indicare la maggiore importanza che deve essere attribuita ai fattori prenatali e postatali rispetto a quelli perinatali.

Cause Prenatali

I fattori prenatali sono rappresentati da tutte quelle noxae , che interferiscono sullo sviluppo dell'embrione e del feto dal momento del concepimento fino al 6° mese della gestazione e che spesso danno luogo a difetti agenesici o/e malformativio:

  • Genetici. Si rilevano nelle PCI di tipo Atassico e nelle encefalopatie prenatali malformativi non lesionali.
  • Infettivi. Fino al 3°-4° mese di gestazione i batteri, non sono in grado di contagiare l'embrione anche quando nella madre è in atto l'infezione, i virus invece possono farlo facilmente.
  • Fisici e chimici. Tra i fattori fisici , un ruolo molto importante è svolto dalle radiazioni: può determinare malformazioni o alterazioni encefaliche, alle quali possono conseguire patologie neuromotorie. Tra i fattori chimici ambientali vengono considerate tutte le sostanze nocive, che vengono assunte durante la gestazione: l'alcool, il fumo, le droghe, farmaci ad azione teratogena (antiepilettici, etc.).
  • Biochimici. L'alterazione metabolica classica è l'iperbilirubinemia (fortunatamente rara). Ha un rilievo importante anche il diabete materno, può comportare sofferenza encefalica.
  • Nutritivi. Vanno considerati tutti quei fattori che interferiscono sulla nutrizione fetale e sulla sua normale ossigenazione come le carenze alimentari e le condizioni d'ipossia fetale (possono essere cause per una nascita pretermine).
  • Traumatici. Sono rappresentati da traumi subiti sull'addome, da cadute accidentali sulle natiche e da altri eventi lesivi addominali. Tali eventi, possono determinare fatti emorragici a carico della placenta o scollamenti della stessa, con conseguenze sul feto d'entità variabile in rapporto alla gravità del danno.

 Cause Perinatali

I principali fattori perinatali, compresi nel periodo che va dal 7° mese di gestazione al momento immediatamente successivo alla nascita , sono rappresentati principalmente dalla prematurità , dall' asfissia e dai traumi .
La nascita pretermine , a causa della condizione d'immaturità del neonato, costituisce un evento di gran rischio per lo sviluppo di patologie neuromotorie. Il rischio è tanto più grande quanto più basso il peso del neonato [1] . La prematurità è strettamente correlata alla diplegia spastica poiché i nati pretermini, presentano una spiccata fragilità vasale, vanno facilmente soggetti ad alterazioni trombotiche o emorragiche nelle aree periventricolari, ove decorrono le fibre piramidali destinate agli arti inferiori.
Circa il 10% delle PCI sono probabilmente dovuto ad asfissie perinatali . Questa alla nascita comporta un' ipossia o un' ischemia cerebrale[2] o, più frequentemente, per l'azione di entrambi i meccanismi (encefalopatia ipossico-ischemica).
Il travaglio di parto tuttavia può essere responsabile di traumi cranio-encefalici specialmente quando si fa ricorso all'applicazione di forcipe o di ventosa o quando si ha una presentazione podalica. Si possono in tali situazioni verificare lesioni ossee o più frequentemente emorragie intracraniche .

[1] (3,4 per 1000 con peso = o > 2500 g .; 13,9 per 1000 con peso tra 1501 e 2500 g .; 90,4 per 1000 con peso = o < 1500 g .)
[2] Per effetto di una diminuzione della quantità d'ossigeno nel sangue che irrora i tessuti (ipossiemia ) o una diminuzione dell'apporto sanguigno ( ischemia )

 Cause Postnatali

In questo periodo, le principali cause che si verificano che sono potenzialmente in grado di determinare PCI, riguardano circa il 10% dei casi; essi sono costituite più frequentemente da:

  • Infezioni batteriche primitive o secondarie,
  • Traumi cranici
  • Crisi convulsive.

Una meningite batterica o tubercolare può causare arteriti trombotiche, uno stato di male convulsivo può determinare emiplegia, un'encefalite danni diffusi o focali del sistema nervoso, un trauma cranio-encefalico emorragie.