Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Comportamento di chiusura in se stesso. Attualmente il termine è utilizzato per indicare una sindrome: la sindrome autistica, definita anche Disturbo Autistico o Autismo Infantile.

Gli elementi caratterizzanti tale sindrome sono rappresentati da:

  • disturbo dell'interazione sociale,
  • compromissione della comunicazione verbale e non verbale,
  • repertorio di interessi ed attività ristretti, ripetitivi e stereotipati.

Il bambino autistico è incapace di usare il linguaggio in modo comprensibile o di elaborare le informazioni provenienti dall'ambiente. Circa metà dei bambini autistici è priva della parola; quelli che parlano spesso si limitano a ripetere meccanicamente ciò che sentono.

Il termine "autismo" descrive, in particolare, l'atteggiamento, comune a questi soggetti, di totale isolamento dall'ambiente esterno e di chiusura in un mondo interiore. I soggetti autistici possono, inoltre, presentare disomogeneità dello sviluppo, fascino per gli oggetti meccanici, reazioni stereotipate nei confronti degli stimoli ambientali e resistenza a qualunque cambiamento esterno. Alcuni bambini autistici mostrano precocità in discipline come la matematica.

Attualmente, l’incidenza dell’autismo nella popolazione è dello 0,02-0,5%; il numero dei soggetti colpiti di sesso maschile è circa il triplo di quelli di sesso femminile.

Le bambine autistiche sembrano avere un grado di ritardo mentale assai più accentuato dei maschi; il grado di separazione rispetto all’ambiente esterno e l’incapacità di relazionarsi con gli altri sembrano invece presenti in misura simile.
Possibile origine genetica.

Commenti  

0 #1 Massimo Borghese 2010-03-30 09:22
Esposizione sintetica ed esauriente. Rende bene l'idea. Mi permetto di segnalare l'opportunità di verificare nel tempo i dati relativi all'incidenza della patologia autistica, in costante e progressivo aumento in tutto il mondo. Sull'origine, direi che coesistono diversi fattori, genetici e non, che combinandosi tra loro, determinano in molti casi l'innesco della patologia.
Massimo Borghese
Citazione